Terra di siena

Attrazioni di Siena

Le attrazioni di Siena sono interessanti perché molte case, palazzi e templi sono stati conservati nella loro forma originale. Molti di loro furono persino graziati dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, che distrussero molti capolavori architettonici. Questo è il motivo per cui non vi è dubbio che ogni pietra nella parte storica della città, ogni casa e tempio non è l'abile lavoro dei restauratori, ma una vera rarità medievale che ci è caduta nel corso dei secoli.

Dov'è

Siena è il centro amministrativo della provincia di Toscana (Toscana). Situato nel nord-ovest di Roma (Roma), la capitale d'Italia, 184 km in linea retta. Sulla mappa geografica si trova alle seguenti coordinate: 43 ° 19'07 "latitudine nord, 11 ° 19'54" longitudine est.

L'area di Siena è di 118 km2 ed è composta da diciassette controsoffitti (distretti), ognuno dei quali porta il nome di un animale, ha il suo emblema e la sua leggenda. Il centro storico si trova a 6 km2. Sin dal Medioevo, la città ha mantenuto il suo aspetto di inaccessibilità grazie alle mura e alle colline circostanti. Le strade strette di Siena sono quasi prive di vegetazione, ma respirano facilmente a causa del fatto che il centro è chiuso per le auto.

  • Vedi le istruzioni: come arrivare a siena

Piazza centrale

La piazza principale di Siena è Piazza del Campo, disposta in un luogo in cui si incontrano le tre colline, su cui si trova Siena. Si differenzia da altre aree in una forma unica: durante la sistemazione di Piazza del Campo, è stata data la forma di un guscio, la cui circonferenza è di 333 m.

questo la soluzione originale, l'area deve molti ruscelli di pioggia, che, scendendo dalle colline, formavano un sollievo particolare. Inoltre, durante la sistemazione della piazza, le autorità si sono assicurate che gli edifici non violassero il suo piano. Quindi, la basilica di Pietro e Paolo (chiesa dei Santi Pietro e Paolo) fu demolita solo perché era un po 'più avanti rispetto alle case dell'aristocrazia locale.

Le prime informazioni documentarie su Piazza del Campo apparvero nel 1169, quando divenne necessario mettere in ordine l'area in cui ora si trova la piazza. Inizialmente era un tutt'uno con la vicina Piazza del Mercato. Ma dopo un po ', fu eretto un muro tra loro per frenare la convergenza dei flussi di pioggia.

Fino alla fine del XIII secolo. c'era un bazar sulla piazza, si tenevano fiere. Nel 1287, quando arrivò l'era della "Tirannia dei Nove" (nove persone governavano la città, rappresentanti di corporazioni commerciali), sorse la necessità di un nuovo municipio.

La costruzione del Palazzo del Comune (Palazzo Pubblico) sulla piazza fu l'inizio dell'apparizione di altre istituzioni importanti per la città. Gli edifici più famosi qui sono la Torre del Ghiottone (Torre del Mangia), la cappella di Piazza (Cappella di Piazza), la fontana della Gioia (Fonte Gaia), il palazzo di Sancedoni (Palazzo Sansedoni), la cappella (Cappella di Piazza).

Palazzo del Comune

Il Palazzo del Comune (Palazzo Pubblico) è l'edificio centrale di Piazza Campo. In precedenza, ospitava il vecchio edificio della città "Bolgano" (palazzo del Bolgano), che fu deciso di ampliare e ricostruire. Quindi, se inizialmente la facciata principale della casa andava verso Piazza del Mercat, dopo la ricostruzione il lato anteriore del municipio era nella direzione opposta.

Anche se la fine della costruzione risale al XIV secolo., Dopo trecento anni, il Palazzo del Comune, fu deciso di espandersi costruendo le parti laterali. Allo stesso tempo, la facciata è stata decorata.

Durante la costruzione del Palazzo Pubblico, gli architetti hanno ripetuto la curva della piazza. La parte centrale ha quattro piani e un livello sopra le ali laterali. Al centro del quarto piano c'è un cerchio bianco su cui è raffigurato un monogramma di Cristo. Il tetto dell'edificio è un po 'come una fortezza: ha merlature rettangolari.

Il primo piano è rivestito in pietra bianca, i piani superiori sono in muratura. Ogni finestra è composta da tre parti che incorniciano due piccole colonne e tre archi a lancetta. Sopra ciascuno di essi è un arco a volta, decorato con lo stemma di Siena. Alle numerose buche che sono visibili su tutte le pareti del municipio, una volta erano fissate le impalcature.

Palazzo Pubblico è stato a lungo l'amministrazione comunale, che occupava tutte le stanze del palazzo. Ora il municipio si trova solo al secondo livello. Di seguito è il Museo della Città (Il Museo civico), che ospita affreschi e altre creazioni di artisti locali. Nel prossimo futuro si prevede di attrezzare il museo al terzo livello. Oltre al museo, il Teatro Rinnovati (Teatro dei Rinnovati) si trova nella parte inferiore del Municipio.

Glutton Tower

La Glutton Tower (Torre del Mangia) è adiacente al Palazzo del Comune e si trova sul lato sinistro. Persone così strane chiamarono l'edificio in onore delle prime attrazioni di guardia, Giovanni di Balduccio (Giovanni di Balduccio). Era noto per il suo instancabile appetito, e quindi speso tutti i suoi soldi in varie prelibatezze.

La Torre del Mangia è una delle torri più alte del Medioevo: se si tiene conto dei parafulmini, la sua altezza è di 102 m. Si può salire alla piattaforma di osservazione, che si trova ad un'altitudine di 88 m, dopo aver rotto quattrocento gradini. Offre una magnifica vista sui dintorni.

La costruzione risale alla prima metà del XIV secolo: la torre iniziò a essere eretta nel 1338, completata dieci anni dopo. Per proteggere l'attrazione da tuoni, uragani e altre disgrazie, sono stati gettati nella fondazione dell'edificio momenti felici e pietre con iscrizioni protettive scritte in latino ed ebraico. Inoltre, l'edificio durante la costruzione è stato posizionato in modo che i suoi lati fossero chiaramente orientati verso ovest, sud, nord o est.

La campana apparve nel campanile nel 1349. Ma la sua qualità del suono non era la migliore, quindi nel 1634 fu sostituita. Ma la nuova campana d'allarme lasciava molto a desiderare, a causa della quale trenta anni dopo fu sostituita da una campana, che si trova oggi sul campanile. A causa delle grandi dimensioni (e pesa poco più di 6,5 tonnellate), i cittadini lo installarono sopra il campanile. È vero, il suo suono è irregolare e dipende da dove colpisce la lingua della campana.

Per diversi decenni, il guardiano ha battuto il campanello. Quindi, prima, sul campanile apparve uno in legno, poi un meccanismo automatico che annuncia il tempo finora. La campana stessa suona solo durante le vacanze speciali.

Nel 1360, un orologio apparve sulla torre. Il quadrante fu raffigurato sulla torre mezzo secolo dopo, e alla fine del XVIII secolo. è stato scolpito nella pietra e decorato con un affresco con un baldacchino (furono persi nel XX secolo dopo il restauro).

Cappella di Piazza

La cappella di Piazza si trova al primo piano della torre del Ghiottone. È rivestito in marmo bianco, che si staglia efficacemente sullo sfondo di una torre in terracotta. Realizzato in stile gotico.

Cominciarono a costruire la cappella nel 1352, dedicando la Verginee, grazie alla quale la peste bubbonica lasciò Siena, che causò la morte di molti cittadini (ciò accadde nel 1348).

La costruzione durò due decenni e fu completata nel 1376. Dopo qualche tempo, la facciata fu decorata con sculture, un baldacchino in stile rinascimentale. Nel XVI secolo. un affresco di Giovanni Antonio Bazzi (Giovanni Antonio Bazzi) è apparso nella cappella, raffigurante il bambino Gesù, la Madonna e Dio Padre. Ora l'affresco è conservato nel museo del municipio.

Palazzo Sancedoni

L'edificio privato più notevole sulla piazza è il Palazzo Sansedoni. C'è una casa di fronte al municipio a destra della fontana della Gioia.

L'edificio di color terracotta, costruito in stile gotico, apparve qui alla fine del XIII secolo. per ordine di Goro Sansedoni. A tal fine, sono state unite cinque case aristocratiche situate qui. Al centro della composizione si trova un'alta torre, che nel XVIII secolo. dopo il terremoto è stato notevolmente abbreviato a causa del timore che potesse collassare.

Tra il XVII e il XVIII secolo la casa è stata restaurata, ampliata, ma la facciata ha mantenuto le sue caratteristiche: la sua curva arcuata segue la forma di Piazza del Campo. Gli interni sono stati riqualificati, decorati con statue, affreschi. Fu conservata una cappella dedicata ad Ambrogio Sansedoni, un monaco che visse nel XII secolo.

Ora ospita gli uffici della Fondazione Banca Monte dei Paschi.

Fontana della gioia

Fountain of Joy (Fonte Gaia) si trova di fronte al municipio. Non colpisce immediatamente l'occhio, e più simile a una piscina di marmo bianco, che può essere ben vista solo da un lato della piazza. Il fatto è che la fontana è recintata su tre lati da pareti di marmo. Decora i loro bassorilievi raffiguranti soggetti biblici, così come la Vergine e Gesù Bambino. Sulle lesene anteriori puoi vedere due donne. Uno di loro ha dato alla luce Romolo e Remo (Romolo e Remo), i fondatori di Roma, l'altro - cresciuto (secondo la leggenda, il figlio di Remo, Senius fondò Siena).

Fonte Gaia apparve all'inizio del XV secolo. e originariamente era inteso come una piscina per la raccolta dell'acqua, che veniva fornita qui da canali sotterranei.

L'acqua lo riempie, che scorre da tubi serrati nella bocca dei lupi (si trovano ai lati della ciotola). Una particolare attenzione dei turisti è attratta dalle limpide acque bluastre che sguazzano nella piscina. La fontana deve il suo nome alla gioia che ha travolto i cittadini quando hanno visto qui l'acqua rompersi dal terreno.

Nel XIX secolo statue e pannelli furono sostituiti con copie e la piscina stessa era circondata da una recinzione. Ora gli elementi originali della fontana sono conservati nel Museo dell'Ospedale Santa Maria della Scala (Complesso museale di Santa Maria della Scala).

Chiesa

Il tempio principale e più magnifico di Siena è il Duomo (Duomo di Siena), che si trova in Piazza del Duomo (Piazza del Duomo). Il resto dei templi sembra più ascetico, ma anche interessante, dal momento che i più famosi artisti, architetti, scultori d'Italia hanno lavorato su di loro.

La cattedrale

La Cattedrale (Cattedrale di Santa Maria Assunta o Duomo di Siena) è la chiesa principale della città, costruita su Piazza del Duomo. Nei tempi antichi, c'era un tempio. I romani la demolirono e costruirono una fortezza, ai lati della quale erano disposte quattro torri. Durante la costruzione del Duomo di Siena, uno di essi fu convertito in un campanile. Prima dell'inizio del X secolo qui era la residenza del vescovo.

La costruzione del monumento iniziò nel 1220 e durò mezzo secolo. Il piano del tempio è una croce latina. La facciata frontale è rivestita in marmo bianco, decorato con composizioni scultoree. È una combinazione riuscita di diversi stili di gotico. La parte inferiore del tempio è romana, la parte superiore è in ritardo, i portali sono francesi. I mosaici nella parte superiore della chiesa apparvero nel XIX secolo. Sopra il portale centrale c'è un enorme rosone circolare, ai cui bordi sono presenti sculture di profeti e apostoli. Ai lati della finestra, ai lati destro e sinistro dell'edificio, si trovano gallerie splendidamente decorate.

La facciata posteriore e le pareti laterali sono rivestite con lastre di marmo bianco con inserti orizzontali di marmo verde scuro. La cupola a dodici lati sorge sopra la croce di mezzo, che è decorata con immagini di santi all'interno.

È impossibile distogliere lo sguardo dal dipinto delle pareti del tempio. L'altare del tempio è costituito da tre nicchie: nella parte inferiore si trovano sculture degli apostoli di Michelangelo (Michelangelo), nella parte superiore - scultura di Jacopo della Quercia (Jacopo della Quercia) "Madonna col Bambino". La navata sinistra ospita la biblioteca Piccolomini (Biblioteca Piccolomini).

La torre della vecchia fortezza fu trasformata in campanile nel 1333. La sua altezza era di 77 m. Come le pareti esterne del tempio, il campanile è fiancheggiato da linee bianco-verdi. Il campanile ha sei file di finestre, la cui dimensione aumenta con ogni livello successivo (il più stretto in basso). Incorona la guglia del campanile.

Cripta

La cripta della Cattedrale (Cripta del Duomo di Siena) si trova sul suo territorio. Nonostante il nome, le reliquie non sono conservate qui, anche se si ritiene che nel tempio ci sia ancora una cripta non rilevata.

Presumibilmente, la cripta apparve alla fine del XIII secolo. e fu murata durante l'espansione del tempio. Ecco perché la sua presenza è rimasta segreta fino al 1999, quando la cripta fu scoperta durante i lavori di restauro. Qui puoi vedere l'intero ciclo di affreschi del XIII secolo, che adornava il tempioquello era qui prima della costruzione della cattedrale. Si distinguono per i loro colori vivaci e le immagini ben conservate di santi.

Battistero di San Giovanni Battista

Il Battistero di San Giovanni Battista (Battistero di San Giovanni) si trova vicino alla Cattedrale. Per non ingrassare l'impressione del battistero, è meglio visitarlo prima di visitare il Duomo di Siena. Attrazione situata in Piazza San Giovanni.

Costruirono un battistero nel 1325 e a partire da quest'anno tutti i cittadini, sia aristocratici che comuni, furono battezzati qui. Sebbene l'ultimo piano non sia stato ancora completato, la facciata è un capolavoro gotico. Come la Cattedrale, è rivestita in marmo bianco con picchetti verde scuro, decorato con elementi floreali e geometrici. Tre portali conducono nell'edificio.

Il carattere esagonale fu creato nel 1430 da marmo e bronzo. I suoi pannelli sono decorati con bassorilievi e sculture di Donatello (Donatello), Lorenzo Ghiberti (Lorenzo Ghiberti), Giovanni di Turino (Giovanni di Turino), Jacopo della Quercia (Jacopo della Quercia).

Gli affreschi decoravano l'edificio a metà del XV secolo. Furono lavorati da Vecchietta (Il Vecchietta), Michele di Matteo Lambertini (Michele di Matteo Lambertini), Benvenuto di Giovanni (Benvenuto di Giovanni), Piero Orioli (Pietro degli Orioli).

Ora l'attrazione fa parte del museo Museo dell'Opera Metropolitana. L'ammissione è a pagamento.

Basilica di San Domenico

La Basilica di San Domenico (Basilica di San Domenico) si trova in Piazza San Domenico, a 300 metri da Piazza del Campo. L'attrazione si trova su una collina ed è chiaramente visibile da molti punti della città. E dal ponte di osservazione si affaccia sul centro della città, tra cui la Cattedrale.

I domenicani fondarono la chiesa nel 1226 e ci vollero duecento anni per costruirla. L'edificio è completamente in mattoni rossi. Dall'esterno sembra molto ascetico, rappresentando un esempio di architettura rigorosamente gotica, che era tipica per le strutture di ordini mendicanti. Il campanile apparve nel XIV secolo, ma due secoli dopo fu danneggiato durante il terremoto, dopo di che divenne più basso.

Puoi entrare nella chiesa solo dal lato, poiché manca la facciata principale. All'interno del tempio è una cappella riccamente decorata. Qui, dietro il vetro reticolare, sono conservati la testa e il dito di Santa Caterina (Caterina Benincasa), che visse in chiesa per gran parte della sua vita. Pertanto, la chiesa ha molti pellegrini e sulle sue pareti sono visibili dipinti che raffigurano episodi della vita di Caterina Benincasa.

Basilica di San Francesco

La Basilica di San Francesco (Basilica di San Francesco) si trova in Piazza San Francesco, a mezzo chilometro da Piazza del Campo. È meglio vedere il tempio prima di visitare la Cattedrale, altrimenti non impressionerà: l'edificio gotico sembra semplice e ascetico.

La basilica fu costruita a metà del XIII secolo. fuori dalle mura della città. In città, fu solo duecento anni dopo. La basilica si è ripetutamente ampliata, ricostruita e ricostruita. Nel XVIII secolo. un campanile apparve vicino a lei. La facciata in stile neogotico apparve alla fine del XIX secolo.

Nella cappella del tempio è conservato il "miracolo eucaristico di Siena". Si tratta di duecento profezie consacrate (pane liturgico liturgico) che furono rubate nel 1730. Dopo qualche tempo furono trovate nella chiesa di Santa Maria di Provenzano e restituite alla chiesa di San Francesco. Dicono che la prosfora sia ancora fresca.

Basilica dell'Osservanza

La Basilica dell'Osservanza (Basilica dell'Osservanza) è costruita sulla cima del colle Colle della Capriola. Si trova alla periferia di Siena, nel nord-est della città. La chiesa è una delle chiese più importanti della città che si trovano fuori dalle mura della città.

Il tempio fu costruito nel 1490 sul sito dell'antico monastero del XII secolo. Dedicato a San Bernardino da Siena, che era morto mezzo secolo prima e viveva su questa collina. Cinque anni dopo, il tempio fu ampliato per ordine di Pandolfo Petrucci, che decise di costruire qui una cripta di famiglia e allo stesso tempo dotare il monastero.

Durante l'assedio di Siena nel 1554, il complesso monastico fu completamente distrutto, ma i cittadini lo restaurarono rapidamente. Negli anni Venti del secolo scorso, l'attrazione subì una ricostruzione. Alla fine della seconda guerra mondiale, dopo il bombardamento del tempio rimasero rovine. Il complesso è stato restaurato dopo dieci anni secondo i disegni forniti dai monaci. Pertanto, il tempio ha lo stesso aspetto di prima della guerra.

Musei

Ci sono molti musei a Siena. Molti di questi sono situati nella zona di Piazza del Duomo e in Piazza del Campo. Sebbene la mappa del museo in città non funzioni, è possibile salvare. Il fatto è che I biglietti combinati sono popolari a Siena, in base al quale è possibile visitare diverse mostre contemporaneamente, che alla fine saranno più economiche.

Ecco perché prima di acquistare un biglietto per un particolare museo, è necessario chiedere alla biglietteria la disponibilità di tale opportunità.Ad esempio, un biglietto acquistato per visitare il Museo dell'Opera Metropolitana consente anche di vedere la Cattedrale, la cripta e il battistero.

Quando si visita il museo, se non si desidera prenotare un tour, è necessario chiedere se è presente un'audioguida. Questo renderà la visita più interessante.

Museo della città

Il Museo Civico (Museo Civico) si trova nella parte inferiore del Palazzo del Comune, in Piazza del Campo. È apparso negli anni trenta del secolo scorso.

I visitatori del museo possono vedere le sale del vecchio municipio, decorato con il famoso Sienz. Questa è la Globe Hall (Sala del Consiglio), dove un tempo si incontravano il Consiglio della Repubblica di Siena. Il nome gli è stato dato da un disco rotante precedentemente memorizzato con una mappa della repubblica raffigurata su di esso. Anche la Hall of Nine, dove si sono svolti gli incontri di questo governo, sarà interessante.

Nel museo puoi non solo tracciare la storia di Siena, ma anche conoscere le creazioni dei famosi maestri senesi. Simone Martini e Ambrogio Lorenzetti hanno lavorato agli affreschi che adornano le pareti del municipio. Gli affreschi sono interessanti in quanto molti di essi raffigurano temi non religiosi. Le immagini raccontano vari metodi di gestione della città, che possono portare alla sua prosperità o al suo declino.

Museo dell'opera metropolitana

Il Museo dell'Opera Metropolitana si trova in Piazza del Duomo, 8. È meglio visitare dopo aver visitato la Cattedrale, che si trova sulla stessa piazza.

Molti oggetti originali sono conservati qui, copie dei quali sono esposte al Duomo di Siena. Ci sono anche copie di statue e mosaici che adornano la cattedrale. Per questo motivo, possono essere chiaramente visti da vicino, cosa impossibile da fare nel tempio.

Nelle sale del museo sono custodite statue in marmo di Donatello, Jacopo della Quercia, Francesco di Giorgio Martini. In particolare spicca la pala d'altare "La Maestà" di Duccio di Buoninsegna. L'artista ha impiegato tre anni per realizzare questo capolavoro. Allo stesso tempo, concluse un contratto speciale con la città, secondo il quale non si limitava alle spese, ma doveva lavorare da solo a La Maestà, senza un assistente.

Oltre agli attributi della chiesa, oggetti d'arte, nelle sale del museo è possibile vedere oggetti domestici dell'aristocrazia locale. Tra questi ci sono tappeti, arazzi, tovaglie, tende fatte a mano.

Dal museo è possibile salire sulla facciata incompiuta della nuova Cattedrale (la costruzione, grandiosa in scala, avrebbe dovuto sostituire il vecchio tempio, ma a causa della pestilenza e del declino della città, non è stata completata). Una magnifica vista sulla piazza e l'area circostante si apre dall'alto. Questo è il vantaggio del museo sulla cattedrale, sul campanile di cui non c'è piattaforma panoramica. Puoi lasciare il museo attraverso una piccola chiesa in stile barocco splendidamente progettata.

Per visitare il museo è meglio acquistare un biglietto combinato. Sarà più economico e ti permetterà anche di vedere la cattedrale, il battistero, la cripta.

Museo Museo di Santa Maria della Scala

Il Museo dell'Ospedale Santa Maria della Scala (Complesso museale di Santa Maria della Scala) si trova in Piazza del Duomo, 2. L'esposizione si trova nel ricovero dell'ospedale del IX secolo, progettato per i poveri. Si chiamava Ospedale di Santa Maria della Scala.

Il museo sul territorio di 13 mila m2 è stato aperto nel 1995. È molto insolito e diversificato, ogni sala è diversa: ci sono affreschi, ecco una cappella, ci sono reliquie di santi. Un po 'più avanti: labirinti sotterranei, quindi sale, corridoi stretti. La grande sala dell'ex ospedale è decorata con affreschi appartenenti al XV secolo, che raffigura la vita quotidiana del rifugio. Il centro della composizione è la Chiesa della Santissima Annunziata (Chiesa della Santissima Annunziata), situata presso l'ospedale, costruita nel XIII secolo.

Inoltre, il Museo Archeologico Nazionale di Siena (Museo Archeologico di Siena) si trova sul suo territorio. Puoi guardare la pittura moderna.

Per visitare il museo è più economico prendere un biglietto combinato. Ti permetterà di visitare molte altre attrazioni.

Pinacotheca nazionale

La Pinacoteca Nazionale (Pinacoteca Nazionale) si trova in Via San Pietro, 29. L'esposizione si rivolge a persone che amano la pittura religiosa medievale. Ci sono molte icone e dipinti su un tema cristiano, e solo al quarto piano puoi vedere dipinti secolari.

L'esposizione è ospitata in due palazzi, Palazzo Bridzhigi e Buonsignori (palazzi Brigidi e Buonsignori). L'aspetto del primo si riferisce al XIV secolo, il secondo al XV secolo. La Pinakothek fu aperta qui nel 1932. L'esposizione si basa sulla collezione di dipinti dell'abate Giuseppe Chuckery (Giuseppe Ciaccheri), che visse alla fine del XVIII secolo. Successivamente, fu riempito con tele che furono presentate alla città da nobili cittadini. Quasi tutti i reperti del museo sono creazioni della pittoresca scuola di Siena dei secoli 13 ° e 17 °, a volte è possibile vedere la tela del 18 ° secolo.

Al quarto piano si trova la collezione Spannocchi, apparsa nel museo nel 1977. Ecco le creazioni di pittori fiamminghi, olandesi, tedeschi e del Nord Italia. Nello stesso anno, una sala di sculture di maestri dei secoli XIV-XV fu aperta nella Pinacoteca.

Museo della tortura

Museum of Torture (Museo della Tortura) - uno spettacolo non per i deboli di cuore. pertanto i bambini non sono raccomandati qui. Si trova a pochi metri da Piazza del Campo, nella parte inferiore della piazza su Chiasso del Bargello, 6.

Qui ci sono circa duecento tipi di strumenti di tortura, che si trovano su due piani. Ci sono pochi corpi tormentati, quindi non fa un'impressione particolarmente grave. Tuttavia, per chiarezza sono esibiti diversi falsi corpi torturati, scheletri e teschi umani. Le informazioni sulla storia delle mostre sono presentate in italiano e inglese. Puoi anche prenotare un tour.

A casa

Siena ha molti palazzi e case interessanti. Tra questi spicca la casa in cui Santa Caterina, la patrona di Siena, visse durante l'infanzia, la casa dove si riunì il consiglio comunale prima dell'apparizione del Palazzo Pubblico, nonché una loggia commerciale. Nonostante sia improbabile che entri in questa attrazione, e dall'esterno fa un'impressione sbalorditiva. Anche la fortezza medicea, che i fiorentini costruirono come simbolo della loro ultima conquista di Siena, attirerà anche l'attenzione.

Casa di Santa Caterina

La casa di Santa Caterina (Santuario Caterina), patrona di Siena, si trova sulla Costa di Sant'Antonio. Ora è un intero complesso, che consiste di logge, gallerie, portici, cappelle.

Nacque nella seconda metà del XIV secolo e visse in questa casa fino alla tonsura. Nel 1466, la città acquistò una casa e qui costruì un santuario, che prevede diverse cappelle, costruite sul sito di una tintura, una cucina e altri locali.

Nel negozio di tintura fu allestita una cappella, che in seguito fu trasformata nella Chiesa della Crocifissione (La chiesa del Crocifisso). I servizi sono ancora tenuti qui. Le pareti del tempio sono decorate con affreschi raffiguranti dipinti della vita di Caterina. Qui puoi anche vedere una statua di un santo scolpita nel legno.

Vicino alla cappella superiore, che un tempo era la cucina, e ora è la facciata della chiesa della Crocifissione, si trova l'Oratorio della Camera. Vicino a loro c'è la stanza della santa, dove sono conservati alcuni dei suoi effetti personali. Sul pavimento puoi vedere una sporgenza di pietra, che ha usato come cuscino.

Palazzo Chigi Saracini

Palazzo Chigi-Saracini si trova in Via di Citta '89. Questa è la costruzione del XII, che apparve nell'ordine della influente famiglia Marescotti (Marescotti). Sul lato sinistro dell'attrazione è possibile vedere la torre, che nel Medioevo segnalava il benessere finanziario della famiglia. Nel cortile del palazzo è un pozzo, cappella, portico, decorato con vari dipinti.

Prima dell'arrivo di Palazzo Pubblico, qui si riuniva il Consiglio della Repubblica di Siena. Nel XVI secolo. la casa fu acquistata dalla famiglia Piccolomini del Mandolo. Duecento anni dopo, era in possesso del clan Saracini, dopo di che l'edificio fu ampliato e la facciata acquisì una forma curva che ripeteva la curvatura della strada.

Alla fine del XIX secolo. la casa fu ereditata da Fabio Chigi. Nel 1932, il conte Guido Chigi Saracini fondò l'Accademia Musicale Chigiana, dove studenti provenienti da tutto il mondo studiano, fu stabilito all'interno dell'edificio.

All'interno delle mura dell'Accademia c'è un museo dove sono custodite tele di famosi artisti e scultori italiani. Tra questi puoi vedere le creazioni di Sandro Botticelli, Sassetta (Il Sassetta), Domenico Beccafumi (Domenico di Giacomo di Pace Beccafumi). Qui puoi anche vedere gioielli e prodotti in ceramica, una collezione di strumenti musicali.

Loggia commerciale

Una loggia commerciale (Loggia della Mercanzia) si trova vicino a Piazza del Campo, nel punto in cui le tre strade si intersecano: Banchi di Sopra, Via di Città, Banchi di Sotto. C'era un tribunale commerciale. Dal 18 ° secolo ecco il Circolo degli Uniti chiuso, quindi è difficile entrare.

Una loggia apparve all'inizio del XV secolo e quindi combinò elementi del gotico e del rinascimento. La casa stessa si trova dietro la recinzione, che è un ampio arco alto collegato da una recinzione a graticcio. I pilastri tra loro sono decorati con vari bassorilievi, statue di santi, patroni di Siena, così come Pietro e Paolo. Gli archi della loggia sono decorati con stucchi e affreschi, il cui aspetto risale al XVI secolo. Il secondo piano è apparso nel XVIII secolo. Nel cortile di fronte alla casa ci sono due panche in marmo. Uno è decorato con rilievi che segnalano le virtù, l'altro - i famosi romani.

Fortezza Medicea

La fortezza dei Medici (Fortezza Medicea) è conosciuta come la fortezza di San Barbari (Forte di Santa Barbara). L'attrazione si trova in Piazza della Libertà, a 800 metri da Piazza del Campo.

La cittadella è un simbolo della fine della Repubblica di Siena e della conquista finale della città da parte dei fiorentini. L'ordine per la sua costruzione fu dato nel 1561 dal sovrano di Firenze (Firenze) Cosimo Old Medici (Cosimo I de 'Medici). Il cantiere non è stato scelto per caso: In precedenza, c'era una fortezza spagnola, che i cittadini avevano distrutto qualche anno prima. La costruzione della cittadella fu completata nel 1563.

Il risultato fu una potente struttura rettangolare in mattoni. La sua larghezza all'esterno era di 200 m, lunghezza - 270 m. Bastioni torreggiavano negli angoli. Su tre di essi fu collocato lo stemma del nuovo proprietario Siena. C'erano anche piattaforme attrezzate per sparare dall'artiglieria pesante dalla copertura.

Alla fine del XVIII secolo. Fortezza Medicea disarmata. Nel 1937 fu allestito un giardino cittadino sul territorio del forte, attraversando il quale si può ammirare la città e i suoi dintorni.

La cittadella stessa è diventata un museo: mostre temporanee si svolgono spesso all'interno delle sue mura, si trovano una biblioteca e un archivio audio. Anche qui c'è la Siena Jazz Association (associazione Siena Jazz), che tiene costantemente concerti e lezioni per musicisti. Nei sotterranei della fortezza c'è un negozio dove è possibile degustare e, se lo si desidera, acquistare vini costosi.

Teatro Rinnovati

Il Teatro Rinnovati (Teatro dei Rinnovati) è il più grande teatro di Siena: è progettato per 549 posti. Il tempio Melpomene si trova al primo piano del Palazzo Pubblico, che si trova in Piazza del Campo.

La storia del Teatro dei Rinnovati iniziò nel 1536, quando il re Carlo V (Carlo V) decise di organizzare una grande festa in città. Allora non c'era teatro a Siena, e così si decise di allestirlo in una delle sale del municipio, allestendo un palcoscenico e allestendo posti. Cento anni dopo, la sala subì una significativa ricostruzione: 107 alloggi furono sistemati al suo interno.

Nel 1742 il teatro fu incendiato, fu restaurato e aperto dieci anni dopo. Ma un anno dopo, l'incendio distrusse di nuovo una parte significativa della sala. Questa volta, il lavoro non durò a lungo e il teatro fu nuovamente aperto al pubblico nell'estate del 1753.

I disastri del tempio Melpomene non finirono qui: il terremoto del 1798 lo danneggiò gravemente. Questo era il motivo per cui il club di aristocratici l'Accademia degli Intronati, a cui apparteneva il teatro, lo vendette all'Accademia Rinnovati - e la sala fu restaurata. Nel XIX secolo. l'edificio è stato ricostruito più di una volta (la scatola reale, il palcoscenico, gli spogliatoi, l'arredamento è stato aggiornato).

Nel 1927, il Teatro Rinnovati fu chiuso e venduto alla città. Dieci anni dopo, i robot hanno iniziato qui per proteggere l'edificio dal fuoco. Durante il secondo restauro mondiale fu sospeso, ripreso dopo la guerra.

L'apertura del teatro nel 1950 è stata programmata per coincidere con la settimana della musica a Siena. Successivamente, non è più chiuso.

Fortificazioni della città

Le mura di Siena (Mura di Siena) sono una fortificazione circolare difensiva costituita da mura, torri e bastioni che circondano la parte medievale di Siena. Ecco perché è possibile raggiungere il centro storico attraverso numerosi portali.

I cittadini costruirono le mura difensive di Siena per diversi secoli (VIII-XV secolo) in cinque fasi, con l'aumentare degli abitanti. Mura di Siena ha una caratteristica: di solito, man mano che la città cresceva, venivano costruite nuove mura attorno a quelle vecchie, portandole sul ring e poi smontandole. Qui, sezioni aggiuntive erano semplicemente attaccate alle mura esistenti, che circondavano la nuova parte della città senza distruggere la vecchia linea di fortificazioni. Molte mura, così come le porte che conducono a Siena, sono sopravvissute fino ad oggi.

Parchi

C'è pochissima vegetazione nella Siena medievale. Ma vicino al centro puoi trovare diversi parchi dove puoi rilassarti nella natura. Questo è un giardino botanico, All'Orto de 'Pecci, giardini la Liza, giardini Publici.

All'Orto de 'Pecci

Fai una pausa dal trambusto della città a All'Orto de 'Pecci, il cui ingresso si trova in Via di Porta Giustizia 39, a cinque minuti a piedi da Piazza del Campo. Questo è un giardino piccolo e accogliente, in cui pavoni, asini, capre camminano in estate.

Non puoi organizzare un picnic qui (questo è visto), ma puoi visitare un ristorante economico. Due pizze, due birre e una cola costeranno qui 22 euro. È vero, nella stagione è completamente pieno e potrebbe non esserci un tavolo libero. Il giardino offre una splendida vista sul centro storico, prima di tutto, la torre Obzhora e il municipio sono chiaramente visibili.

Orto Botanico

Viene pagato l'ingresso al Giardino Botanico di Siena (Orto Botanico dell'Università di Siena). Pertanto, ha ricevuto molte critiche dai turisti che hanno pagato 5 euro e lo hanno trovato in qualche modo curato. Tuttavia, agli amanti della flora esotica piacerà qui.

Qui puoi vedere piante insettivore, fiori rari, Rock Garden, foresta di felci. All'ingresso del parco sono attrezzate due piscine con piante acquatiche.

L'orto botanico si estende su una superficie di 2,5 ettari. L'ingresso principale si trova in Via Pier Andrea Mattioli, 4, a mezzo chilometro dalla Cattedrale. Aperto tutti i giorni

Un giardino botanico apparve a Siena nel 1588, quando, su iniziativa di un'università locale, iniziarono a coltivare piante medicinali vicino all'ospedale di Santa Maria della Scala.

Due secoli dopo, il territorio non era abbastanza per i botanici e fu deciso di spostare il giardino nella sua posizione attuale. Già nel primo rapporto pubblicato sul lavoro del giardino, è stato riferito che c'erano novecento specie di flora provenienti da diverse parti del mondo. Per le piante, il cui clima locale non era adatto, sono state attrezzate serre speciali.

Che cos'è un palio

Uno degli eventi più interessanti che si svolgono a Siena è Il Palio, a cui prendono parte diciassette contrazioni di Siena. A tal fine, Piazza del Campo è riempita di sabbia attorno al perimetro, che viene rimosso alla fine del salto. Prima della competizione organizzano una sfilata in costume.

A Palio prendono parte 10 concards su 17. Per determinare chi di loro parteciperà alle gare, prima della competizione, i rappresentanti dei distretti sorteggeranno. Interessante quello durante le gare, la cosa principale non sono i cavalieri, ma i cavalli: anche se il fantino è caduto e il cavallo ha continuato a correre e ha vinto, ha vinto. Siena sono cavalieri rari: i fantini di altre città sono invitati a partecipare al Palio.

Le competizioni si svolgono due volte all'anno. Per la prima volta - il 2 luglio in onore della Madonna di Provenzano, che salvò Siena dagli invasori. La seconda azione si svolge il 16 agosto, in onore dell'Ascensione della Vergine. A volte, per qualche motivo speciale (il passaggio al nuovo secolo, l'anniversario dell'Unità d'Italia), vengono organizzate gare aggiuntive.

Come arrivare

Sebbene Siena si trovi nel centro della Toscana e ci siano molte attrazioni, si trova lontano dalle principali rotte turistiche. Pertanto, gli aeroporti più vicini che servono linee nazionali e internazionali si trovano a un'ora o due dalla città. Ma c'è una stazione degli autobus dove arrivano gli autobus internazionali, così come una stazione ferroviaria alla quale arrivano i treni regionali.

  • Vedi le istruzioni: come arrivare a Siena da soli

Aereo

A nove chilometri da Siena c'è un piccolo aeroporto "Siena Ampugnano", ma gli aerei passeggeri non volano qui: viene utilizzato principalmente per voli privati ​​e d'affari. pertanto, Per arrivare a Siena, devi prendere un biglietto aereo che vola a Firenze o Pisa (Pisa). Puoi anche andare da Roma (Aeroporto di Fiumicino), ma la strada richiederà due ore: in autostrada, la distanza tra le città è di 268 km.

La distanza tra Firenze e Siena è 80 km. Si tratta di un'ora in auto, si consiglia di noleggiare in anticipo su auto.italy4.me

Dall'aeroporto di L'Aeroporto di Firenze-Peretola è necessario prendere un minibus per la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella (Stazione di Firenze Santa Maria Novella) e prendere un biglietto del treno. Meglio su una linea retta, ma se non funziona, è necessario cambiare treno alla stazione di Empoli. Vicino alla stazione ferroviaria, in via Santa Caterina da Siena, 15, c'è una stazione degli autobus. Qui puoi prendere un biglietto dell'autobus che porta direttamente a Siena.

L'aeroporto di Pisa prende il nome da Galileo Galilei. Da qui puoi partire per Siena in autobus direttamente dall'aeroporto. La distanza tra le città è 160 km. Gli autobus Tiemme e TerraVision IT partono dall'aeroporto:

  1. Gli autobus Tiemme trascorrono due ore sulla strada, viaggiando attraverso Firenze. I biglietti costano 15 euro, andata e ritorno - 28 euro. Il programma è disponibile qui: tiemmespa.it;
  2. Gli autobus IT TerraVision partono dall'aeroporto una volta ogni ora, viaggiano attraverso Firenze e trascorrono tre ore lungo il tragitto. I biglietti costano 28 euro. Programma qui.

Gli autobus Marozzi VT partono dalla stazione degli autobus di Park Pietrasantina, situata in via Fazio degli Uberti (20 minuti dall'aeroporto). Arrivo alla stazione FS Stazione. Controlla l'orario sul sito ufficiale dell'azienda www2.marozzivt.it.

Stazione ferroviaria

La stazione ferroviaria (La stazione di Siena) si trova in piazza Carlo Rosselli, a 2,5 km da Piazza del Campo. I treni provenienti da diversi punti della Toscana vengono qui. Ad esempio, da Firenze puoi arrivare in un'ora e mezza.

Maggiori informazioni sull'orario dei treni sono disponibili qui: www.e656.net/orario/stazione/siena. Va notato che nell'angolo in alto a sinistra è necessario fare clic su una delle quattro finestre in cui è indicato l'orario di partenza approssimativa dei treni: 00-06, 06-12, 12-18, 18-24.

Non esiste una comunicazione diretta con Roma. Ecco perché devi andare con un cambio alla stazione di Grosseto o alla stazione di Chiusi-Chianciano Terme.

La stazione ferroviaria di Siena è a due chilometri dal centro, quindi puoi camminare (la passeggiata dura mezz'ora). È anche possibile aspettare l'autobus che porta a Piazza Antonio Gramsci o prendere un taxi (circa otto euro).

Il bus

La stazione degli autobus di Siena si trova in Piazza Antonio Gramsci. Le sue tariffe sono disponibili qui: www.tiemmespa.it/index.php/Viaggia-con-noi.

Da qui, dieci minuti a piedi dalla Cattedrale. In apparenza, la stazione degli autobus è più simile a una stazione degli autobus: ci sono diversi grembiuli, più vicino al centro città c'è un cartello. Nel mezzo c'è un ascensore che ti porta alla biglietteria. Puoi anche raggiungerli attraversando la strada e scendendo le scale.

Qui puoi acquistare i biglietti dell'autobus per un'altra città, che dovrà essere timbrata all'ingresso dell'autobus. Nessun biglietto viene venduto sull'autobus stesso.
Quando si pianifica di utilizzare l'autobus quando si viaggia in un'altra città, è necessario tenere presente che, sebbene ufficialmente arrivi più velocemente del treno, se si blocca nel traffico, l'arrivo può essere troppo tardi. Pertanto, se è pianificato un incontro di lavoro, è meglio privilegiare il treno.

Guarda il video: Cosa vedere a Siena: 10 cose da fare in un giorno a Siena (Novembre 2019).

Messaggi Popolari

Categoria Terra di siena, Articolo Successivo

Stazioni sciistiche in Italia: 8 punti salienti delle Alpi italiane. Parte II
Pianificazione del viaggio

Stazioni sciistiche in Italia: 8 punti salienti delle Alpi italiane. Parte II

Milioni di anni fa, le acque del mare caldo schizzavano qui, e oggi c'è un paesaggio montano di straordinaria bellezza - le Dolomiti, incluse dall'UNESCO nella lista dei siti del patrimonio naturale mondiale. Ogni anno, centinaia di migliaia di turisti vengono qui da tutto il mondo per unire l'utile al dilettevole, lo sci alpino con il benessere e il fascino delle bellezze naturali con un eccellente servizio italiano.
Per Saperne Di Più
Luna di miele in Italia: 7 idee dove andare. Parte I.
Pianificazione del viaggio

Luna di miele in Italia: 7 idee dove andare. Parte I.

Non sorprende che l'Italia sia considerata una delle destinazioni più ambite per la luna di miele: ci sono così tanti angoli romantici che è quasi impossibile sbagliare. Conosco persone che hanno trascorso la luna di miele a Roma ed erano assolutamente contente della scelta fatta. Tuttavia, anche se questo è soggettivo, e quando ci togliiamo il cappello per la "Città Eterna", ci perderemo la nostra lista dei migliori posti per una luna di miele a Roma.
Per Saperne Di Più
Come arrivare da Bologna a Milano e / o da Milano a Bologna
Pianificazione del viaggio

Come arrivare da Bologna a Milano e / o da Milano a Bologna

Come arrivare da Bologna a Milano e da Milano a Bologna il più rapidamente possibile, comodo e redditizio. BlogoItaliano continua una serie di articoli che esplorano varie opzioni di trasporto per i viaggiatori che intendono visitare entrambe le città. Tradizionalmente, prenderemo in considerazione un treno, un'auto, un aereo e un autobus e dovrai solo scegliere l'opzione che riflette più da vicino il tuo stile di viaggio.
Per Saperne Di Più