Italia

Basilica di San Miniato al Monte

San Miniato al Monte è la chiesa di Firenze, che non fu toccata dagli architetti del Rinascimento. Le uniche novità introdotte furono il nuovo campanile e la scala in marmo bianco. La chiesa funziona. Durante il servizio serale è possibile ascoltare canti meravigliosi.

Basilica di San Miniato al Monte - un tempio dedicato al primo santo martire di Firenze, foto elisabetta ermini

La Basilica di San Miniato al Monte (Basilica di San Miniato al Monte) sorge sulla collina di Monte alle Croci, sulle rive dell'Arno. L'architettura del tempio è unica - è un esempio completamente conservato dello stile romanico fiorentino. Nel Rinascimento, la chiesa non fu ricostruita.

Dalla storia

La basilica fu posta sul luogo della morte del primo santo martire fiorentino - il pellegrino Minyato (Minias). C IV secolo sulla collina c'era una piccola cappella di San Peter. Nell'XI secolo, invece del vecchio santuario, fu deciso di erigere una chiesa grandiosa.

La costruzione della Basilica di San Miniato fu iniziata nel 1033, grazie agli sforzi del vescovo Alibrand, per volere di Enrico II di Baviera e di sua moglie, la pia Kunigunda. Su insistenza della coppia imperiale, i resti di San Minyato fu trasferito sull'altare del nuovo tempio, accompagnato dai più alti ranghi del clero e personalmente dal vescovo.

Architettura del tempio

San Miniato al Monte, foto di Marco Farolfi

La basilica è un edificio romanico a tre navate. La sua facciata è divisa per entablature in tre livelli. Il livello inferiore è decorato con cinque semi-archi, in piedi su colonne di pietra verde con capitelli di marmo bianco. Nel secondo livello, le navate laterali si distinguono per due frontoni simmetrici, tra loro c'è un portico con quattro lesene e una finestra. La parte superiore del portico è decorata con mosaici raffiguranti Gesù, la Vergine e San Minyato.

Il terzo livello entra in un timpano triangolare, incoronato da una croce e decorato con intarsi. Nella parte superiore del frontone, puoi vedere l'aquila di rame - un simbolo della corporazione di Kalimal - i guardiani della chiesa nel 1288.

Il campanile del tempio è crollato nel 1499. Il suo restauro è stato eseguito dall'architetto Baccio D'Agnolo. La ricostruzione della torre durò fino al 1533. All'inizio del XX secolo, la campagna fu nuovamente soggetta a importanti restauri. Furono reinstallate quattro campane; il peso del più grande era di 40 tonnellate.

L'interno della basilica

Interno della basilica, foto Koman

L'interno della basilica è completamente realizzato in stile romanico. Soffitti - piatti, con travi a motivi aperti. La caratteristica dominante degli interni è un alto coro situato sopra la cripta. Il pavimento in mosaico di marmo della navata centrale fu realizzato nel 1207. È decorato con motivi geometrici e simboli astrologici.

Cappella della Crocifissione

Cappella della Crocifissione, foto di HEN-Magonza

Al centro della navata principale si trova la Cappella della Crocifissione. Le pareti sono decorate con pannelli di Agnolo Gaddy. Le decorazioni del soffitto in ceramica sono state realizzate dall'eccezionale scultore quattrocento, l'abile ceramista Luca della Robbia. Ha creato un crocifisso sopra l'altare centrale.

Cappella del cardinale portoghese

Cappella del cardinale portoghese, foto di HEN-Magonza

La cappella funeraria del cardinale del Portogallo si trova nella navata sinistra. Questa cappella funeraria fu costruita nel 1473, secondo il progetto di Manetti. La lapide del cardinale Giacomo Lusitansky fu completata da Bernardo e Antonio Rossellini. La decorazione della cappella fu eseguita da Luca della Robbia, Alesso Baldovinetti e i fratelli Pollayolo.

Mosaico bizantino del XIII secolo raffigurante Cristo, la Madonna e il re dell'Armenia sugli archi dell'abside, foto di HEN-Magonza

La volta dell'abside è decorata con mosaici medievali di un autore sconosciuto che raffigura San Minyato. Il dipartimento del tempio, situato nella zona del presbiterio, appartiene all'inizio del XIII secolo.

Dal presbiterio puoi andare in sagrestia. Sulle sue pareti è stato conservato un ciclo di affreschi della trama della vita di San Benedetto, scritto da Spinello Aretino. La luce entra nella volta attraverso una moderna vetrata e l'originale vetrata gotica della sagrestia fu distrutta nel 1630. Il maestro Monichatto ha realizzato armadi in legno per riporre gli abiti.

Cripta

Cripta, foto di John Menard

La cripta della basilica si trova sotto la parte dell'altare ed è divisa in sette navate - quattro laterali e tre centrali. La volta a croce piatta della parte sotterranea del tempio è sostenuta da 38 colonne di marmo e mattoni. Sulle capitali delle colonne in alcuni punti c'erano tracce di dorature. Sulle arcate del lato sinistro della cripta sono conservati affreschi della metà del XIV secolo, dipinti da Taddeo Gaddi.

San Miniato al Monte (Basilica di San Miniato al Monte)
Via delle Porte Sante, 34 50 125 Firenze Italia
sanminiatoalmonte.it

Prendere l'autobus 12 fino alla fermata S.Miniato Al M. 01

Guarda il video: I linguaggi del romanico in ItaliaLa chiesa di San Miniato al Monte a Firenze (Gennaio 2020).

Loading...

Messaggi Popolari

Categoria Italia, Articolo Successivo

Mostre a Milano nel 2015
Milano

Mostre a Milano nel 2015

Vale la pena andare a Milano non solo per lo shopping, ma anche per visitare le mostre più importanti del mondo e in diverse direzioni. Nel 2015 ce ne saranno molti. Ma non si dovrebbe parlare di mostre a Milano, ma di frequentarle. EXPO 2015 Esposizione Universale Milano 2015 (World Exhibition 2015) - la mostra più attesa dell'anno.
Per Saperne Di Più
Pinacoteca Brera a Milano
Milano

Pinacoteca Brera a Milano

La Pinacoteca di Brera è la più grande e famosa galleria d'arte di Milano. Inaugurato nel 1809, sembra ancora attrarre tutti gli amanti dell'arte con una calamita. La collezione di dipinti comprende dipinti di artisti europei dei secoli XV-XVII e capolavori di maestri della pittura italiana dei secoli XIV-XIX: Raffaello, Caravaggio, Modigliani, Bramante, Tintoretto e altri.
Per Saperne Di Più
Castello Sforzesco di Milano
Milano

Castello Sforzesco di Milano

Le torri del Castello degli Sforza (Castello Sforzesco), laconiche collegate dalle mura della fortezza in un'unica magnifica struttura, cattureranno inevitabilmente l'attenzione dei visitatori di Milano. Il Castello Sforzesco trascorse sette secoli sotto il cielo azzurro italiano. Durante questo periodo, vide l'ascesa e la caduta delle dinastie dominanti, delle rivoluzioni e delle rivolte popolari, sentì il tocco delle mani di talentuosi architetti, scultori e artisti.
Per Saperne Di Più
Pirelli - storia del marchio e fatti interessanti
Milano

Pirelli - storia del marchio e fatti interessanti

L'Italia è un posto fantastico in cui per metro quadrato ha molti luoghi interessanti, panorami bellissimi, capolavori architettonici. Il paese è conosciuto in tutto il mondo grazie a valori "inossidabile" come l'ottima cucina, il vino eccellente, il clima soleggiato e il carattere bruciante dei residenti locali.
Per Saperne Di Più