Roma

Abbigliamento maschile nell'antica Roma

È tempo di vestirsi. Cosa indossano i romani? Siamo abituati a vederli in film e spettacoli avvolti in toghe multicolori che sembrano lunghi fogli. Ma è sempre così? In effetti, a prima vista, questi vestiti sono completamente scomodi e ostacolano il movimento, rendendo difficile correre, salire le scale o addirittura sedersi senza aggrapparsi a nulla: in realtà, sono abbastanza pratici. Non solo, ai nostri giorni si vestono ancora così: vai in India o in altri paesi dell'Asia e del mondo arabo, e vedrai che gli abiti tradizionali non sono sostanzialmente troppo diversi da quelli indossati dai romani: abiti lunghi, tuniche, sarees e sandali ... Quindi questa è solo una questione di abitudine.

Biancheria intima

Cominciamo con la biancheria intima. I romani indossavano codardi? La risposta è si. Questo, tuttavia, non riguarda i codardi nella nostra comprensione, ma piuttosto una specie di perizoma in tessuto di lino chiamato subligar, avvolto intorno alla vita e alle parti intime del corpo.

Rimarrai sorpreso quando scoprirai che questa non è la prima cosa che viene indossata al mattino ... In effetti, è molto comune non spogliarsi prima di coricarsi, ma andare a letto semivestiti. Rimuovono il mantello, gettandolo su una sedia (o prendono una coperta anziché una coperta), e rimangono in un perizoma e una tunica. Quindi vanno a letto: la tunica indossata durante il giorno servirà al posto del pigiama di notte. Un'usanza del genere può non sembrarci igienica, ma i nostri residenti rurali hanno fatto lo stesso fino all'inizio del XIX secolo. Con l'unica differenza: i romani erano molto più puliti, perché andavano ai bagni ogni giorno. Quindi, prima di andare a letto, si sono lavati accuratamente. L'unico problema era che i vestiti rimanevano sporchi.

Tunica

Il principale capo di abbigliamento in stile romano è la famosa tunica. Per capire quanto sia pratico, immagina di indossare una T-shirt al ginocchio (diciamo, taglia XXL e poi la hai afferrata intorno alla vita con una cintura. Quindi, con alcuni presupposti, la tunica è qualcosa del genere. Incredibile: noi, in effetti , continuiamo a utilizzare (soprattutto in estate) una soluzione trovata nell'era antica, chiamiamola semplicemente un altro nome: maglietta o maglietta.

Certo, i materiali sono cambiati. Usiamo il cotone, i romani usavano solitamente lino o lana non verniciata in varie tonalità di beige. Questo colore è adatto per evitare macchie e polvere.

Anche il lino è interessante: sono prodotti principalmente in Egitto, da dove viene esportato in tutto l'impero. Pertanto, i romani, come noi, indossano abiti realizzati in terre lontane. Questi sono i risultati della prima grande globalizzazione nella storia dell'umanità avvenuta nel Mediterraneo grazie a Roma. Potremo approfondire questo argomento quando visiteremo i mercati della capitale dell'impero.

La tunica è adatta per ogni occasione: viene utilizzata come camicia da notte, indossata sotto la schiena, e il povero la indossa come unico vestito. Il povero si infila la tunica, indossa i sandali e lascia la casa in quel modo. Il ricco - no: in cima alla tunica deve mettere il valore più importante dei cittadini romani: toga.

Toga

Puoi dire che si tratta di un "abito con una cravatta? di quel tempo - cioè vestiti per apparire in pubblico, specialmente in situazioni importanti. È stato usato fin dai tempi antichi, e possiamo dire che al momento della nostra narrazione aveva subito un'evoluzione molto reale. All'inizio, le sue dimensioni erano piccole, ma gradualmente divenne sempre di più: se è steso a terra, la toga è un semicerchio di tessuto di lana o lino di sei metri di diametro!

Non sorprende, quindi, che spesso, per indossare una toga, ricorrono all'aiuto di uno schiavo. Così fa il nostro "dominus". Questo ci permetterà di capire come è indossato.

Il signore è immobile, guardando in lontananza. Lo schiavo si mette una toga sulle spalle come un mantello, tuttavia, non strettamente simmetrico, ma lasciando un'estremità molto più a lungo in modo da scendere a terra. Quindi raccoglie con cura questa estremità e se la passa sotto il braccio, avvolgendola sul petto fino al collo, come una fascia. Quindi lo avvolge come una sciarpa intorno al collo e lo fissa con una spilla all'altezza della clavicola. Ma questo non è tutto: la fine è così lunga che hai bisogno di un'altra rivoluzione intorno al corpo, sotto le svolte precedenti. Alla fine lo schiavo si fa da parte per guardare il suo lavoro. È contento. Il suo padrone è così elegante, soprattutto grazie alle pieghe fluide che gli conferiscono un aspetto nobile. Una mano è libera e l'altra è metà coperta di panneggi e il "dominus" deve sempre tenerlo leggermente piegato in modo che la toga non si sporchi sul terreno. È un po 'scomodo, ma ci si abitua rapidamente.

Toga è un vero simbolo della cultura e della civiltà dell'antica Roma. Può essere indossato solo da cittadini romani e ciò è vietato a stranieri, schiavi e uomini liberi (schiavi liberati). Una toga, come un'uniforme, porta un certo "codice di abbigliamento": a seconda di chi è indossata e di cosa serve, porta nomi diversi. Ad esempio, una toga bianca delimitata da viola, toga rgaetehta - per così dire, "protettiva". È indossato da senatori e ragazzi fino ai quattordici ai sedici anni. A questa età, viene eseguita la cerimonia di rimozione dei pretesti toga, accompagnata da una cerimonia solenne, che simboleggia la fine del periodo dell'adolescenza. Da questo momento, il giovane è ufficialmente considerato un adulto, cioè in grado di trasportare armi e partecipare alla vita pubblica.

Pantaloni

E i pantaloni? Non sono così comuni. In effetti, questo capo è estraneo alla cultura romana e mediterranea. Nell'era di Traiano, sono indossati solo dai legionari, sono corti e attillati, finendo appena sotto il ginocchio. In realtà, i pantaloni esistono già, ma sono indossati solo dai nemici di Roma, i barbari che li hanno "inventati": i Celti e i Tedeschi a nord e i Parti a est, sul territorio del moderno Iran. Ma questo non sarà sempre. Per centocinquanta anni, grazie alla sua praticità, i pantaloni “conquisteranno” Roma, diventando parte integrante della moda romana.

Scarpe

Ora il padrone è seduto e lo schiavo mette le scarpe in piedi. Curioso: i romani non indossano calze (solo al nord, dove la severità del clima richiede un'ulteriore protezione delle gambe), quindi se rimuovi le scarpe, le gambe rimangono nude.

Esistono molti tipi di scarpe: chiuse, come stivali, aperte, come sandali, da diverse strisce di pelle, con piccoli "tacchi", veri chiodi sulla suola per maggiore tenacia (le famose caliga indossate dai legionari) e così via.

Per spostarsi in città, i ricchi romani preferiscono indossare calcei, chiusi come mocassini e raramente indossarli a casa. Sai perché? Secondo le regole della buona forma, quando entri in casa, devi toglierti le scarpe da strada e cambiare le scarpe a casa tua: vai in giro per casa con semplici sandali con suole in cuoio o sughero. E se visiteranno gli amici, li porteranno con loro, perché questa regola si applica in tutte le case.

Messaggi Popolari

Categoria Roma, Articolo Successivo

Stazioni sciistiche in Italia: 8 punti salienti delle Alpi italiane. Parte II
Pianificazione del viaggio

Stazioni sciistiche in Italia: 8 punti salienti delle Alpi italiane. Parte II

Milioni di anni fa, le acque del mare caldo schizzavano qui, e oggi c'è un paesaggio montano di straordinaria bellezza - le Dolomiti, incluse dall'UNESCO nella lista dei siti del patrimonio naturale mondiale. Ogni anno, centinaia di migliaia di turisti vengono qui da tutto il mondo per unire l'utile al dilettevole, lo sci alpino con il benessere e il fascino delle bellezze naturali con un eccellente servizio italiano.
Per Saperne Di Più
Luna di miele in Italia: 7 idee dove andare. Parte I.
Pianificazione del viaggio

Luna di miele in Italia: 7 idee dove andare. Parte I.

Non sorprende che l'Italia sia considerata una delle destinazioni più ambite per la luna di miele: ci sono così tanti angoli romantici che è quasi impossibile sbagliare. Conosco persone che hanno trascorso la luna di miele a Roma ed erano assolutamente contente della scelta fatta. Tuttavia, anche se questo è soggettivo, e quando ci togliiamo il cappello per la "Città Eterna", ci perderemo la nostra lista dei migliori posti per una luna di miele a Roma.
Per Saperne Di Più
Come arrivare da Bologna a Milano e / o da Milano a Bologna
Pianificazione del viaggio

Come arrivare da Bologna a Milano e / o da Milano a Bologna

Come arrivare da Bologna a Milano e da Milano a Bologna il più rapidamente possibile, comodo e redditizio. BlogoItaliano continua una serie di articoli che esplorano varie opzioni di trasporto per i viaggiatori che intendono visitare entrambe le città. Tradizionalmente, prenderemo in considerazione un treno, un'auto, un aereo e un autobus e dovrai solo scegliere l'opzione che riflette più da vicino il tuo stile di viaggio.
Per Saperne Di Più