La storia

Le ragioni della morte dell'Impero Romano

Girando per Roma e l'Italia e ammirando i luoghi preservati, ogni turista medita sul motivo per cui una civiltà così forte ha smesso di esistere. Il declino e il crollo dell'Impero romano non possono essere ridotti a una sola ragione.

Nemici esterni

Una versione riporta la morte dell'Impero romano al 410 d.C., quando le tribù gotiche guidate da Alarich invasero il territorio di Roma. Le tribù erano cristiani pronti, quindi non commisero massacri e non distrussero edifici, ma solo derubarono, tirarono fuori gioielli, rimossero gioielli preziosi dagli edifici.

Secondo la seconda versione, Roma fu distrutta fino alla sua fondazione in seguito, nel 476, il capo della tribù barbarica germanica di Herul Odoacer, che lo costringe ad abdicare al trono dell'ultimo imperatore di Roma, il giovane Romolo Augusto.

Tuttavia, secondo molti ricercatori, la caduta di Roma è iniziata molto prima ed è stata causata non solo da ovvie ragioni come le incursioni di aggressori esterni. L'inizio della crisi nell'impero romano fu segnato nel 3 ° secolo, dopo che la vita politica, economica, religiosa e culturale dei romani cambiò profondamente. Ora gli storici nominano più di 210 cause della caduta dell'antica Roma. Soffermiamoci su alcuni di essi.

Mancanza di un leader forte

Nell'impero romano, un frequente cambiamento di imperatori, sovrani di province e province, privo di potere politico, autorità e lungimiranza, cominciò ad essere osservato.

Tra le autorità compaiono sempre più persone di nazionalità non romana, il che riduce anche l'autorità e distrugge assolutamente l'idea patriottica.

Imbarbarimento

Una parte significativa della popolazione di Roma durante il periodo di declino era rappresentata da rappresentanti di tribù barbariche che non avevano una cultura e un'ideologia sviluppate. A causa della differenza nel livello di sviluppo delle relazioni sociali, l'assimilazione di rappresentanti di queste tribù nella società romana è insignificante. Tuttavia, Roma è costretta a mantenere relazioni pacifiche con i barbari, poiché una parte significativa dell'esercito è stata formata dai loro ranghi.

Crisi dell'esercito

I nemici esterni, avanzando su tutti i lati con piccoli e numerosi distaccamenti, non incontrarono la resistenza dell'esercito romano, indebolito da una cattiva manutenzione e da uno sfruttamento estremo, senza leader forti e non ispirato da un'idea patriottica.
I comandanti militari si appropriarono della maggior parte degli stipendi e delle indennità dei soldati, quindi i ranghi inferiori furono estremamente demoralizzati e i casi di saccheggio diretti contro i compatrioti divennero più frequenti. I ranghi delle forze armate si riempirono leggermente per una serie di motivi:

  • Declino della fertilità;
  • La riluttanza dei proprietari terrieri a mandare i loro schiavi e ad assumere lavoratori in soldati e perdere manodopera a basso costo;
  • Riluttanza degli abitanti delle città ad arruolarsi nell'esercito a causa dei bassi guadagni.

A volte questi fenomeni sono associati a un movimento come il pacifismo. Tuttavia, la causa principale della crisi è la distruzione dell'esercito professionale, la perdita della disciplina militare, l'aumento del numero di reclute scarsamente addestrate - ex contadini - e barbari che si insediarono sul territorio dell'Impero romano.

Schiavi e schiavi

La versione ufficiale dei libri di testo scolastici: Roma ha rovinato il sistema degli schiavi. Lo sfruttamento ha suscitato indignazione e ribellione degli schiavi, divampando regolarmente. Le rivolte furono di varie dimensioni: le case dei proprietari terrieri stavano bruciando, gli strumenti e gli animali domestici furono distrutti, gli schiavi si rifiutarono di lavorare.

Per reprimere le rivolte degli schiavi, era necessario l'aiuto dei militari, ma riuscirono a malapena a respingere gli attacchi di nemici esterni.

La schiavitù ha portato all'estremo declino dell'agricoltura, alla distruzione dell'economia del paese.

  • Leggi anche: ribellione di spartacus

Crisi economica

L'impero romano stava vivendo un periodo di frammentazione in province, mentre le grandi proprietà erano divise in piccole, in parte affittate a piccoli proprietari terrieri e schiavi. L'agricoltura di sussistenza cominciò a prevalere, la quota delle industrie di trasformazione diminuì e i prezzi per il trasporto di merci aumentarono. Il commercio è in forte declino, le relazioni tra alcune province stanno finalmente finendo.

Lo stato ha aumentato le tasse, ma la solvibilità della popolazione è diminuita drasticamente e non c'era nulla da pagare. L'inflazione è stata seguita da una riduzione della quantità di denaro nel paese.

Le piccole fattorie iniziarono a unirsi nei comuni o a chiedere protezione ai grandi proprietari terrieri: iniziò il processo di assegnazione dei grandi signori feudali e iniziò la rovina finale dei piccoli contadini.

Crisi demografica

Il declino dell'economia e i successivi anni magri causarono la carestia nel paese, un'ondata di malattie infettive. La mortalità aumenta, la fertilità diminuisce drasticamente. Il governo emana diversi decreti sul sostegno alle famiglie con bambini, sui benefici per i bambini barbari, ma a Roma il numero di persone in età avanzata e vecchiaia è in costante aumento e la società sta invecchiando.

Ragioni sociali

Allo stesso tempo, l'autorità dei circoli al potere diminuisce e l'autorità del capitale, la gente più ricca del paese, aumenta. Il numero di dipendenti pubblici è in aumento, l'apparato burocratico è in aumento, la corruzione si sta intensificando.

La classe media sta gradualmente fallendo, la cultura urbana, la produzione e il commercio sono in declino, si stanno verificando rivolte di massa. La seconda parte è la cosiddetta apatia sociale, la distruzione della spiritualità e il patriottismo.

La crisi della spiritualità

L'ideale di una persona armoniosamente sviluppata, un orgoglioso romano, che serve la sua città-stato, costruisce gradualmente la sua vita sulla base di principi sociali. C'è una crisi dell'arte: letteratura, architettura, scultura.

La decomposizione morale della popolazione è spesso associata alla fioritura di vizi, dissolutezza, omosessualità.

  • Leggi anche le usanze dell'antica Roma

Cristianesimo

Uno dei motivi della morte dell'Impero romano è la fine della persecuzione dei cristiani, che furono legalizzati con decreto dell'imperatore Costantino nel 313. A partire da quest'anno, il cristianesimo è stato riconosciuto alla pari con la fede pagana. È noto che alla fine del IV secolo seguì la distruzione e il saccheggio dei templi pagani sotto l'imperatore Teodosio il Grande, che fu portato avanti da una folla di abitanti romani sotto la guida di monaci cristiani.

Ancora più distruttiva fu la presenza nell'insegnamento cristiano di vari movimenti. Hanno portato confusione e discordia, hanno diviso il popolo, ne hanno fatto dubitare, hanno distrutto l'integrità della nazione, indebolito la sua resistenza ai nemici esterni.

Pertanto, il crollo dell'Impero romano è dovuto alla totalità delle contraddizioni all'interno dello stato, che ha perso la sua integrità politica, ideologica, religiosa.

Messaggi Popolari

Categoria La storia, Articolo Successivo

Musei di Milano
Milano

Musei di Milano

Una visita ai musei di Milano aggiungerà colore a qualsiasi vacanza trascorsa in un paese così meraviglioso come l'Italia. Le informazioni raccolte con cura e amorevole sulla città forniscono una varietà di informazioni, dalla scienza e la tecnologia a personaggi famosi. Il Museo delle Belle Arti di Brera La Pinacoteca di Brera contiene una delle più importanti collezioni italiane di dipinti rinascimentali, oltre 500 opere risalenti al XIV e XX secolo.
Per Saperne Di Più
Fatti interessanti su Milano
Milano

Fatti interessanti su Milano

L'opinione che Milano sia il centro alla moda e finanziario dell'Italia è molto comune. Ma dietro tutte le banche e le boutique della città, ci sono misteri e punti salienti che sono unici a Milano. Vale la pena notare che molti dei segreti e delle caratteristiche di questo luogo difficilmente possono essere chiamati italiani. Tuttavia, prima di fare un viaggio in questa bellissima città, prova a saperne di più.
Per Saperne Di Più
Mostre a Milano nel 2015
Milano

Mostre a Milano nel 2015

Vale la pena andare a Milano non solo per lo shopping, ma anche per visitare le mostre più importanti del mondo e in diverse direzioni. Nel 2015 ce ne saranno molti. Ma non si dovrebbe parlare di mostre a Milano, ma di frequentarle. EXPO 2015 Esposizione Universale Milano 2015 (World Exhibition 2015) - la mostra più attesa dell'anno.
Per Saperne Di Più
Stazioni ferroviarie di Milano
Milano

Stazioni ferroviarie di Milano

Ci sono tre principali stazioni ferroviarie di Milano: Milano Centrale, Porta Garibaldi e Cadorna. Il primo serve treni che collegano Milano con tutta l'Italia e con altri paesi (Francia, Svizzera, Germania), gli altri due sono principalmente collegati con collegamenti ferroviari suburbani.
Per Saperne Di Più