Italia

Basilica di Santa Maria in Aracheli

Santa Maria in Aracheli è una bellissima basilica a Capitol Hill. Una grande scalinata conduce ad essa, creata come segno della liberazione di Roma dalla peste. La chiesa fu costruita nel VI secolo sul sito del Tempio di Giunone, lo stesso in cui vivevano le oche che salvarono Roma dai Galli. E non è tutto! Michelangelo e Donatello, colonne di antichi templi (pre-cristiani) di Roma e ... molto di più!

Basilica di Santa Maria in Aracheli - chiesa di Santa Maria dell'altare del cielo

La Basilica di Santa Maria in Aracheli (Basilica di Santa Maria in Aracoeli) si trova sul Campidoglio, in cima alla collina, vicino al Palazzo Senatori. Questa è la più antica basilica cristiana di Roma: la chiesa di Santa Maria dell'altare del cielo.

Un po 'di storia

Nel IX secolo, questa basilica fu costruita dai Benedettini. Il tempio apparve sul sito dell'abbazia bizantina, che esisteva dal VI secolo. Le rovine dell'antico tempio romano di Giunone servirono da base per l'edificio. Inizialmente, la chiesa portava il nome di Santa Maria in Capitolio, un nuovo nome apparve solo nel XIV secolo.

Alla fine del XIII secolo, il tempio fu trasferito all'ordine francescano. La ricostruzione fu eseguita dall'architetto Arnolfo di Cambio. Da quel momento, l'edificio ha acquisito un aspetto romano-gotico.

“Passaggi di marmo che conducono a Santa Maria in Aracheli a Roma”, Christoffer Wilhelm 1813-1816, foto di RasMarley

La basilica nel Medioevo fu il centro della vita religiosa e secolare di Roma. Nel 1348, l'architetto Lorenzo Simone Andreozzi fece erigere una monumentale scala per il tempio. La costruzione di una scala alta, composta da 124 gradini, fu dedicata alla liberazione di Roma dall'epidemia di peste.

Architettura e interni

Scarabeo principale

La facciata principale del tempio è costruita con mattoni bruciati, i rosoni sono tagliati nel muro dell'edificio.

Navata centrale

Nave invece, foto di Richard Mortel

La chiesa ha tre navate, separate da gallerie di archi semicircolari su colonne antiche. Ventidue colonne sono state assemblate da vari antichi edifici romani in rovina.

Soffitto intagliato a cassettone

L'elemento più sorprendente dell'interno della chiesa è il soffitto scolpito a cassettone (XVI secolo), decorato con un'immagine allegorica della battaglia di Lepanto.

Il pavimento in marmo della basilica è realizzato con la tecnica cosmatesco. Nelle cappelle del tempio è possibile vedere affreschi con le immagini dei santi Bernardino di Siena e Antonio di Padova, appartenenti al pennello di Pinturicchio, Pomarancho, Gozzoli.

Icona della Madre di Dio, foto di Richard Mortel

Nell'altare centrale è collocata l'icona della Madre di Dio, dipinta dall'evangelista Luca. Questa immagine è considerata miracolosa. A destra dell'altare maggiore è un mosaico del 13 ° secolo con il volto della Madonna.

Scultura Gesù Bambino

Figura in legno di Gesù Bambino, foto di HEN-Magonza

Nella navata sinistra, in una cappella separata, è conservata la sacra reliquia del tempio - la figurina di Gesù Bambino (Santo Bambino). Secondo una leggenda, questa piccola scultura è stata scolpita da un ulivo coltivato nel giardino del Getsemani (nella basilica è presente una copia della reliquia del XV secolo e l'originale è stato rubato nel 1994). La figura è considerata miracolosa: spesso i pazienti gravemente malati si rivolgono ad essa. Si ritiene che se è possibile guarire un paziente, le labbra di un bambino divino sono rosse. Quando si rivolge al santuario delle labbra irrimediabilmente malate, le figure di Gesù rimangono pallide.

La leggenda della costruzione del tempio

La Basilica e la scala di Lorenzo Simone di Andreozzo che la conduce

La leggenda narra che durante il regno dell'imperatore Augusto, gli abitanti di Roma volessero costruire un tempio pagano in onore del loro sovrano. Augusto decise di scoprire se una simile struttura fosse gradita alla volontà degli dei. Andò in Campidoglio per sacrificare due piccioni. Sulla strada per l'imperatore, l'indovino-sybil si incontrò, che gli mostrò una visione della Santa Vergine con un bambino che irradiava una radiosità divina.

Le mani dell'imperatore si indebolirono immediatamente, liberò i piccioni. Al suo ritorno dalla collina, Augusto proibì la costruzione di un tempio pagano e ordinò che un altare, l'altare del cielo, fosse installato sul sito dell'apparenza divina.

Oggi, sul sito dell'antico altare è collocata la navata laterale di Sant'Elena, che conserva le reliquie di Sant'Elena di Costantinopoli. Il tempio ospita anche le tombe di Papa Onorio IV e Caterina Regina della Bosnia.

L'interno del tempio

Come arrivare

Puoi prendere la linea B della metropolitana fino alla stazione Colosseo;
in autobus: 30, 51, 81, 83, 85, 87, 118, 160, 170, 628, 810 - per Ara Coeli-Piazza Venezia;
con il tram 8 fino alla fermata finale di Venezia.

Guarda il video: Siamo entrati all'interno della cripta sotterranea della chiesa Madre di Araceli (Gennaio 2020).

Loading...

Messaggi Popolari

Categoria Italia, Articolo Successivo

Mostre a Milano nel 2015
Milano

Mostre a Milano nel 2015

Vale la pena andare a Milano non solo per lo shopping, ma anche per visitare le mostre più importanti del mondo e in diverse direzioni. Nel 2015 ce ne saranno molti. Ma non si dovrebbe parlare di mostre a Milano, ma di frequentarle. EXPO 2015 Esposizione Universale Milano 2015 (World Exhibition 2015) - la mostra più attesa dell'anno.
Per Saperne Di Più
Pinacoteca Brera a Milano
Milano

Pinacoteca Brera a Milano

La Pinacoteca di Brera è la più grande e famosa galleria d'arte di Milano. Inaugurato nel 1809, sembra ancora attrarre tutti gli amanti dell'arte con una calamita. La collezione di dipinti comprende dipinti di artisti europei dei secoli XV-XVII e capolavori di maestri della pittura italiana dei secoli XIV-XIX: Raffaello, Caravaggio, Modigliani, Bramante, Tintoretto e altri.
Per Saperne Di Più
Castello Sforzesco di Milano
Milano

Castello Sforzesco di Milano

Le torri del Castello degli Sforza (Castello Sforzesco), laconiche collegate dalle mura della fortezza in un'unica magnifica struttura, cattureranno inevitabilmente l'attenzione dei visitatori di Milano. Il Castello Sforzesco trascorse sette secoli sotto il cielo azzurro italiano. Durante questo periodo, vide l'ascesa e la caduta delle dinastie dominanti, delle rivoluzioni e delle rivolte popolari, sentì il tocco delle mani di talentuosi architetti, scultori e artisti.
Per Saperne Di Più
Pirelli - storia del marchio e fatti interessanti
Milano

Pirelli - storia del marchio e fatti interessanti

L'Italia è un posto fantastico in cui per metro quadrato ha molti luoghi interessanti, panorami bellissimi, capolavori architettonici. Il paese è conosciuto in tutto il mondo grazie a valori "inossidabile" come l'ottima cucina, il vino eccellente, il clima soleggiato e il carattere bruciante dei residenti locali.
Per Saperne Di Più