Sardegna

Vini della Sardegna

La Sardegna non è senza ragione chiamata il regno del vino bianco e un vero gigante nella produzione di dolci e alcol fortificato. Piantare l'uva occupa oltre 67.000 ha. Vini originali della Sardegna da decenni non perdono rilevanza e prestigio.

Imparare dall'esperienza di qualcun altro

La popolarità dei vini sardi non risentì affatto del fatto che gli stessi isolani non formarono una cultura enologica. Il vino non conquistò gran parte dei primi agricoltori medievali, e solo sotto la forte influenza delle tradizioni dei liquori spagnoli e francesi nel 12 ° secolo l'isola fu attivamente impegnata nei vigneti.

La Sardegna si innamorò rapidamente delle viti straniere Monica (Monica) e Cannonau (Cannonau), portate dagli spagnoli e dai greci, i viticoltori locali padroneggiavano con successo la nuova varietà - Vermentino. È stata anche dimostrata l'influenza dei viticoltori francesi: in breve tempo sull'isola sono stati designati impianti su larga scala della vite di Carignano.

All'alba del diciannovesimo secolo, la Sardegna era pienamente affermata nella produzione di vino rosso forte, stabilendo una solida fornitura di materie prime per la terraferma per la miscelazione. Fino ad ora, i migliori vini della Sardegna sono fermentati dalle antiche razze spagnole di Vermentino e Cannonau.


Ma è sbagliato pensare che a parte l'uva spagnola e francese, la Sardegna non abbia le sue varietà. Vite abbastanza rare sono allevate sull'isola, che non può essere trovata in nessun'altra parte in Italia:

  • Jiro (Giro);
  • Nuragus (Nuragus);
  • Torbato (Torbato);
  • Nasco (Nasco).

Nei maggiori volumi, la Sardegna coltiva proprio il nurago, che prende il nome dalle antiche torri sarde del nuraghe. Le vigne di questa razza occupano il 35% del territorio di tutte le piantagioni di vite dell'isola. A proposito, il secondo posto nella classifica dei frutti di bosco è il Vermentino, che i sardi moderni venerano con sicurezza come una varietà autoctona.

Il Vermentino di Gallura è l'unico vino sardo della classe DOCG d'élite (Denominazione di Origine Controllata e Garantita). La bevanda viene creata in Gallura in condizioni ottimali per la cura della vite e l'osservazione della tecnologia di produzione. Il vino bianco, ottenuto da vermentino concentrato con lievi note floreali e di mela, si abbina perfettamente a piatti di pesce leggero. La bevanda d'oro di stato offre una degna reputazione per la vinificazione in Sardegna. Il prezzo di una bottiglia di Vermentino di Gallura varia da 20 a 45 euro, a seconda dell'anno e dell'area in cui è stata raccolta la coltura.

Produttori

Le cantine più potenti si trovano nel nord della regione. L'eccellente clima e i terreni fertili ti consentono di ottenere un raccolto di qualità e raccogliere un vino davvero sorprendente.

Kapikera (Capichera)

Il vero titano della vinificazione è la fattoria Kapiker in Gallura, glorificata fuori dall'isola di Sardegna grazie agli eccellenti vini di Vermentino e Carignano. Il produttore ha scelto il suo credo come duro lavoro e devozione per la sua terra natale e segue sinceramente questi principi dal 1978.

Tre anni dopo la fondazione, il vino Caprichera Vermentino è entrato sul mercato, in modo significativamente diverso dai vini simili: più intenso, notevolmente aromatico, moderato, con un retrogusto deliziosamente morbido. È nelle cantine di Kapikera che la Vendimia Tardiva matura oggi - una bevanda unica dal titolo il più squisito vino del Sud Italia.

Vendimia Tardiva è una meravigliosa bevanda secca di un caldo colore dorato, con una forza del 14,5%. Nel bouquet della bevanda sentivo erbe, note di agrumi e miele aromatico. Vendemmia Tardiva ha lo status di IGT (Indicazione Geografica Tipica) - un vino da tavola di qualità tipico della sua zona, cioè Kapikers. Una bottiglia di robusto Tardiva bianco può essere aperta sul tavolo da pranzo, che offre deliziosi frutti di mare e deliziosi formaggi. Inoltre, il prezzo di tale vino è piuttosto moderato.

Piacevoli intenditori di vino con prodotti meravigliosi, i leader dell'azienda senza ulteriori indugi hanno difeso la convinzione che il rispetto delle tradizioni non si aggrappi ciecamente al passato. Il vero amore per la causa, secondo Kapikera, si concentra nella capacità di applicare tecniche innovative senza violare l'antica natura del vino sardo, che contiene il potere del sole, l'energia del mare e il potere della natura gallurese.

Ardzhiolas (Argiolas)

Un altro ottimo vino sardo è la Turriga. Una ricca bevanda è ottenuta da una miscela di Cannonau e Carignano, maturata nelle botti di rovere della cantina Argiolas. La ricetta appartiene al maestro del vino Giacomo Tachis (Giacomo Tachis) - un rappresentante della dinastia Antinori. Caro senor ha dedotto la formula per il vino rosso secco dal ricco colore melograno. Il gusto deciso del materiale del vino cannonau è aromatizzato con note acide di frutti di bosco, la bevanda ha un lungo finale aromatico. La forza del vino è del 14,5%, il che lo rende un buon compagno per carne, pollame, formaggi a pasta dura e pasta. Il prezzo di una bottiglia di Turrig è piuttosto alto - circa 20 euro, ma ne vale la pena!

Un enologo interessato alle capacità produttive della Sardegna ha iniziato a promuovere il vino locale sul mercato europeo. Grazie alla sua perseveranza, anche altri tipi di vini hanno guadagnato popolarità: Costera e Korem, che sono emersi dalle cantine Argiolos. I buongustai delle aziende vitivinicole non erano meno affezionati: Santadi (Santadi, Terre Brune) e Rocca Rubia, e persino il cabernet piuttosto ordinario Marchese di Villamarina non passò inosservato.

I prodotti della cantina Argiolas, che ha guadagnato la fiducia dei consumatori dal 1918, hanno ricevuto oggi numerosi riconoscimenti e marchi di qualità. Il magnifico vino, alla creazione del quale l'incomparabile Giacomo Takis ha avuto una mano nella mano, è amato e conosciuto in tutto il mondo.

Carignano (Carignano)

La Sardegna vanta la viticoltura di Carignano del Sulcis, che ha radici spagnole. Questa è una zona viticola ben organizzata, che coltiva l'allevamento di antiche varietà spagnole: Carignano e Bovale. Tra i più interessanti prodotti vitivinicoli:

  • Vernaccia di Oristano (Vernaccia di Oristano) a base di bacche di Vernaccia. Si distingue per una bella tonalità dorata e un retrogusto tangibile di mandorla. La forza della bevanda è del 15%. Ha un sapore piuttosto dolce, a causa del quale viene spesso servito freddo ai dolci.
  • Giro di Cagliari (Giro di Cagliari) - un vino insolito creato sulla base del vitigno rosso spagnolo Giro. Colore intenso e dolce sapore aromatico delizieranno gli appassionati di vini giovani. Estratto da questo tipo di vino varia da 8 mesi a 2 anni, la forza e il prezzo finali dell'alcol dipendono da questo indicatore.

I vini delle distillerie Kerchi (Cherchi), Surau (Surrau) e Malvasia Bosa (Malvasia di Bosa) non sono molto richiesti. La malvasia è uno dei vitigni a bacca bianca più comuni, non solo in Italia, ma anche in Spagna e Portogallo. In Sardegna, da questa varietà vengono prodotti: Malvasia Bosa e Malvasia di Cagliari (Malvasia di Cagliari). Entrambe le bevande hanno la categoria DOC (Denominazione di Origine Controllata), ovvero sono certificate ad un livello abbastanza alto.

Il materiale del vino piace alla vista con un colore paglierino trasparente, in alcuni casi può avere un tono rosato. Allo stesso tempo, il vino è abbastanza forte, entro il 12,5-16%, il gusto è profondo e dolce. La Malvasia è un vino da dessert che riversa il fiume in numerose festività italiane. Un prodotto in bottiglia parte da un prezzo di 18 euro e su diritti completamente legali.

Ogni azienda vinicola sarda ha uno status, una ricetta, una tecnologia e un concetto speciali, con una cura particolare incarnata da viticoltori di talento ed entusiasti. Pertanto, la felice Sardegna è orgogliosa del suo meraviglioso vino e, se non ci credi, dirigiti rapidamente verso le calde coste del regno del vino e guarda di persona.

Guarda il video: I Signori del Vino 2018 - Sardegna (Dicembre 2019).

Loading...

Messaggi Popolari

Categoria Sardegna, Articolo Successivo

Cosa devi sapere sulla Sicilia
Sicilia

Cosa devi sapere sulla Sicilia

La Sicilia è la più grande isola del Mar Mediterraneo e allo stesso tempo una parte importante dell'Italia. Situato vicino alla "punta dello stivale italiano", viene immediatamente lavato da tre mari: il Mediterraneo, il Tirreno e lo Ionio. L'isola è conosciuta per la sua magnifica natura, contribuendo a una vacanza eccellente, così come antichi monumenti della storia, occupando una posizione di spicco tra le attrazioni dell'Italia.
Per Saperne Di Più
Aeroporti della Sicilia
Sicilia

Aeroporti della Sicilia

I turisti stranieri possono fare un viaggio per mare in Sicilia, ma di solito preferiscono un modo più veloce - l'aria. In quale degli aeroporti internazionali della Sicilia vale la pena cercare i biglietti per trascorrere le vacanze il più interessante possibile? Facciamolo bene. Informazioni generali Un totale di 5 aeroporti sono situati in Sicilia: tre sull'isola principale e due su quelli più vicini - Lampedusa e Pantelleria.
Per Saperne Di Più
Le migliori spiagge della Sicilia
Sicilia

Le migliori spiagge della Sicilia

Sebbene le migliori spiagge della Sicilia (Sicilia) si trovino nel sud e nel sud-est dell'isola, sono possibili vacanze al mare di vari gradi di comfort su quasi tutta la costa. Ci sono zone costiere dove è difficile raggiungere l'acqua, ci sono molte spiagge non attrezzate, ma in generale ci sono molte opportunità per trovare la spiaggia dei tuoi sogni.
Per Saperne Di Più