La storia

Acquedotti e bagni nell'antica Roma

L'acqua nell'antica Roma era parte integrante della vita dei cittadini. Fontane che adornano città, bagni in cui i romani mantenevano i loro corpi puliti e rilassati, Navahii (battaglie navali), dove organizzavano battaglie navali - tutto ciò richiedeva di fornire alla città un'enorme quantità di acqua. Gli imperatori romani, cercando di soddisfare le esigenze dei loro cittadini, guadagnano il loro sostegno e decorano la Città Eterna, non risparmiando risorse per la costruzione di sistemi di approvvigionamento idrico.

Acquedotti

Gli acquedotti dell'antica Roma sono considerati il ​​sistema idraulico ideale di quei tempi, un miracolo dell'ingegneria. Grazie a loro, l'acqua veniva fornita a fontane, bagni, case private di persone benestanti. I romani usavano l'acqua per bere, cucinare, mantenere la pulizia e i bagni pubblici venivano costantemente lavati.

Principio di funzionamento

In realtà, gli acquedotti sono un sistema di canali di irrigazione disposti attraverso vari paesaggi. L'acqua della sorgente cadde nell'acquedotto, e da lì nella speciale vasca "Castella", e fu distribuita attraverso i tubi alla città. Se l'approvvigionamento idrico non è stato costruito sottoterra, è stato costruito in campate ad arco e chiuso dall'alto per mantenere l'acqua pulita.

Lo schema è il seguente: Innanzitutto, viene determinato il punto finale dell'approvvigionamento idrico, quindi, spostandoci dall'inizio alla fine, disegniamo una mappa dell'area, fissando il rilievo e scegliendo il percorso ottimale. Hanno segnato la linea della futura autostrada con pile di legno e hanno iniziato a preparare l'area: hanno scavato trincee, abbattuto alberi, scavato tunnel nelle montagne, costruito ponti. Successivamente, blocco per blocco allungato l'approvvigionamento idrico dalla fonte.

Nell'antica Roma furono costruiti 350 km di acquedotti e solo una piccola parte di essi era sotterranea. Durante la costruzione, è stato utilizzato il cemento pozzolanico - una miscela di cemento con calce e cenere vulcanica, un materiale resistente e forte che ha permesso a molti acquedotti di sopravvivere fino ad oggi. Affinché l'acqua fluisse dolcemente nella città, era necessaria la pendenza corretta del corridoio. Se i costruttori incontrassero una montagna lungo la strada, dovevano scavare gallerie - l'acquedotto che scavalcava la montagna non avrebbe avuto la pendenza necessaria.

Acquedotti famosi

Per 538 anni a Roma furono eretti 11 sistemi idrici, che divennero un esempio per altri paesi:

  1. Aqua Appia (Aqua Appia) fu costruita nel 312 a.C.. con il sostegno dei sovrani di città Appia Claudia (Apio Claudio) e Guy Plavtius (Gaio Plauzio Venoce). Appius sviluppò un piano per l'approvvigionamento idrico futuro e Guy era impegnato nella ricerca: nelle montagne Sabinsky, a 15 chilometri dalla capitale, trovò una fonte di acqua pulita, ne studiò la quantità e ne interrogò la popolazione per qualità. Tuttavia, tutta la fama è andata ad Appio Claudio.

    Aqua Appia giaceva quasi completamente sottoterra, la sua lunghezza era di 16 km. Dalla porta Kapensky iniziò la parte aperta della struttura lunga 90 metri, che era un sistema ad arco. L'acqua scorreva verso il Bull Market, dove si accumulava in vasche e scorreva in giro per la città.
  2. L'acquedotto Anio Vetus di 63 chilometri con la sua sorgente nel fiume Aniene fu costruito nel 269 a.C. Sebbene in quel momento fosse il più lungo del mondo, Anio Vetus fu un progetto senza successo: il fiume estivo stava sfarfallando, l'acqua arrivò con successo variabile e in inverno era completamente sporca, quindi era usata solo per l'irrigazione.
  3. L'Aqua Marcia, lunga 91 km, fu eretta nel 144 a.C., è stato alimentato da diverse fonti vicino al fiume Aniene. Per l'allevamento del vino, i romani consideravano l'acqua di questo acquedotto la più adatta. Diversi secoli dopo, l'imperatore Diocleziano pose un altro ramo dell'acquedotto alle sue condizioni e Caracalla ai suoi.
  4. L'Aqua Tepula, lunga 18 km, fu costruita nel 125 a.C. L'acqua non è mai stata più fredda di 17 °, da cui il nome deriva, perché tepula significa "caldo". Nel 33 a.C. il comandante Mark Agrippa collegò l'acquedotto con un altro, Aqua Iulia.
  5. Aqua Julia divenne la prima sotto l'imperatore Augusto. L'autostrada di 23 chilometri fu costruita da Marc Agrippa e collegò l'acquedotto con Aqua Marcia e Aqua Tepula, ponendoli uno sopra l'altro.
  6. Agrippa divenne il creatore del sesto acquedotto ancora funzionante Aqua Virgo (Aqua Virgo). Nel 19 a.C. fu eretto un acquedotto sotterraneo di 20 chilometri. Il nome Vergine, ad es. "vergine" è associato al mito secondo cui una ragazza indicava ad Agrippa la fonte di acqua cristallina. Ora Aqua Virgo nutre le fontane di Barkaccia, Trevi e la fontana dei Quattro Fiumi.
  7. L'acquedotto Aqua Alsietina, che risale al 2 a.C., fu alimentato dalle acque dei moderni laghi di Bracciano e Martignano. L'acqua non abbastanza chiara di Alsietina fu usata per riempire il Navmahiy dell'imperatore Augusto - serbatoi artificiali per scene di battaglie navali. Lo stesso acquedotto posto attraverso 358 archi irrigava i giardini di Giulio Cesare.
  8. Aqua Claudia iniziò a essere costruita durante il regno di Caligola, completato nel 52 CE a Claudio. Il fiume Aniene divenne la fonte, l'acquedotto di Marcha fu posato in parallelo, con il quale si unirono nel Parco Acquedotto (Capanelle). L'arco monumentale dell'acquedotto è diventato parte della Porta Prenestin (Porta Prenestina). Un acquedotto clavdiano chiamato Celimontano forniva acqua alla casa d'oro di Nerone (Domus Aurea).
  9. Anio Novus, in sostituzione di Anio Vetus, fu costruito contemporaneamente all'acquedotto di Claudio e ha le stesse fonti.
  10. Aqua Traiana è stata creata nel 109 per ordine dell'imperatore Troyan. L'approvvigionamento idrico era alimentato dalle acque delle sorgenti vicino al lago di Bracciano e lo riforniva nella zona di Trastevere. Durante le guerre, l'acquedotto fu distrutto più volte, ma dopo che fu restaurato. Dopo il restauro di Papa Paolo V, l'acquedotto fu ribattezzato Aqua Paola (l'acqua di Paolo).
  11. Aqua Alessandrina fu costruita nel 226 per fornire acqua al termine dell'imperatore Alessandro. Parte dell'acquedotto di 22 chilometri è stato conservato nell'area di Pignattara.

Terme

I bagni a Roma, sono bagni, erano l'istituzione pubblica più popolare tra tutte le classi. Qui, non solo era possibile lavare via polvere e sudore dopo il lavoro: i bagni pubblici erano una specie di club. Le persone sono venute qui per migliorare la loro salute, rilassarsi, chattare con gli amici, discutere di affari e ammirare bellissime ballerine.

I bagni erano inseparabili dagli sport - c'erano palestre proprio sul loro territorio, qui giocavano come un calcio moderno, correvano, recintavano, lanciavano dischi e persino gareggiavano nella corsa delle bighe! Rilassandosi nello stabilimento balneare, i romani componevano poesie e musica, leggevano, mangiavano, bevevano e perfino dormivano. I cittadini ordinari visitavano i bagni almeno una volta al giorno e i nobili trascorrevano la maggior parte del loro tempo qui.

I bagni pubblici iniziarono ad apparire a Roma nel 3 ° secolo a.C., e nel 4 ° secolo c'erano circa 1.000 termini in città. I contemporanei hanno scritto che tali bagni raggiungevano i 12 ettari nell'area e potevano ospitare fino a 2500 visitatori.

Dispositivo

Per la costruzione del termine, è stato scelto il luogo più caldo. Le stanze in cui si crogiolavano erano dotate di finestre esposte a ovest o a sud. Le unità femminile e maschile erano situate su un lato, ma erano separate. L'acqua veniva riscaldata in serbatoi di rame e fornita in una miscela con freddo. Hanno provato a fare le piscine vicino alle finestre sulle pareti occidentali e meridionali - così la luce del sole è penetrata più a lungo. I soffitti negli scompartimenti caldi avevano la forma di emisferi e al centro c'erano boccaporti di rame per rilasciare vapore.

Il sistema di riscaldamento consisteva in un ipocausto - una fornace vicino allo stabilimento balneare, da cui canali speciali andavano nel seminterrato dello stabilimento balneare e poi verso il pavimento. Il pavimento era coperto di mattoni, malta di calce in cima, poi pietre e lastre di marmo. Un pavimento del genere trattenne il calore per lungo tempo, sebbene si riscaldasse lentamente. Lo stesso sistema di canali attraversava le pareti.

Per creare un vapore umido, lo riscaldarono con il legno e per uno più secco - il carbone. I romani usavano legna da ardere senza fumo che era stata precedentemente imbevuta di acqua o olio d'oliva ed essiccata.

I bagni erano divisi in diverse stanze. Le palestre erano palestre particolari - riscaldarsi qui, riscaldare i muscoli con semplici esercizi o con l'aiuto di boxe, gare di wrestling, ecc.

Gli spogliatoi dotati di mensole e sedili erano chiamati apoditerium. Il problema principale dell'apoditerium era la sicurezza delle cose. I nobili ricchi lasciavano sempre servitori di schiavi per tenere d'occhio la proprietà. Se a una persona venivano rubati dei vestiti, poteva rivolgersi agli dei - in senso letterale, scrivere una maledizione su un piatto speciale su un ladro e portarlo al tempio.

Nella calda tepidaria, i romani si lavavano, facevano il bagno, prendevano varie procedure. Persone speciali hanno strofinato i visitatori con olio, che è stato rimosso con speciali spatole, hanno fatto massaggi e persino rimosso i capelli dal corpo. I romani prestarono particolare attenzione alla bellezza dei piedi, perché camminavano principalmente in sandali. I calli sono venuti in soccorso nella cura dei piedi.

Il caldario era un bagno turco con soffitti alti e piscine calde. Laconic è una specie di caldaria senza piscine con vapore secco, come una moderna sauna finlandese. È stato possibile rinfrescarsi dopo il bagno turco nelle piscine del frigidarium.

I bagni romani, in particolare quelli privati, erano incredibilmente riccamente decorati e sembravano più palazzi. Molti tipi di marmo e altre pietre portati da altri paesi, metalli preziosi per la creazione di impianti idraulici, mosaici costosi, fontane e cascate artificiali, statue e fiori - i romani capivano molto sul lusso.

Le terme di Agrippa

L'Agrippa Terme (Terme di Agrippa) sul campo di Marte (Campo Marzio) fu la prima a Roma e divenne il principale tipo di termine. Secondo varie fonti, questi bagni furono eretti nel 19 o 25 a.C. Nel 12 a.C. L'architetto ha dato i termini al pubblico. Dopo l'incendio dell'80, i bagni furono restaurati e ampliati, ma nel VII secolo furono letteralmente trascinati via per materiali da costruzione, anche se i resti sono sopravvissuti fino ad oggi.

Le terme di Nerone

Le Terme di Nerone furono erette nel 64 a.C. anche sul Champ de Mars. I termini di Nero si distinguevano per una tavolozza ampliata, due vestiboli e due atri - vieni qui per vedere varie competizioni. Ogni vasca da bagno era dotata di una sedia in marmo per comodità. C'era una biblioteca e un giardino nel termine in cui si poteva chattare, camminare o leggere. Dopo la morte dell'imperatore, i bagni furono ribattezzati Alexandrovs e successivamente distrutti.

Terme di Tito

Le Terme di Tito apparvero nell'89 e differirono per la simmetria interna. Al centro ci sono le sale principali e ai lati si trovano le stesse sale di ricevimento e le lobby. A Terme c'erano sale per la lettura, lo sport e il teatro. Oggi, a 100 metri dal Colosseo, possiamo guardare le rovine di questo complesso - Via delle Termi di Tito, stazione della metropolitana Colosseo.

Terme di Traiano

Le terme di Traiano (terme di Traiano) risalgono al II secolo d.C., durante il regno di Traiano erano femmine. A differenza degli standard di costruzione, i Trajanovy Therma si trovano ad angolo rispetto ai lati dell'orizzonte. L'uscita della caldaria a sud-ovest ha permesso di riscaldarlo il più possibile durante le ore di punta e di scurire la frigidaria dal lato nord-orientale. In futuro, proprio una tale disposizione del termine diventerà lo standard.

Il complesso era elegantemente rifinito, qui c'erano biblioteche, sale ricreative, palestre e piscine. Durante gli scavi, è stato possibile scoprire che i bagni occupavano un'area di 100.000 m², oltre a trovare magnifiche sculture, murali, tessuti e altri manufatti. Le rovine del termine di Traiano si trovano in Via delle Terme di Traiano, in Via della Domus Aurea, stazione della metropolitana sul ramo del Colosseo.

Le terme di Caracalla

Le Terme di Caracalla sono considerate le più magnifiche e migliori di quanto siano sopravvissute fino ad oggi. Su una superficie di 300 m², 1,5 mila persone hanno potuto lavare contemporaneamente.

La posizione del termine è stata correttamente utilizzata nella costruzione del complesso - lungo il pendio, l'acqua cadeva facilmente dalla vasca nei bagni. Gli spettatori in palestra si affidavano alla stessa pendenza. Il parco era circondato da uno stabilimento balneare e sporgenze termali, decorato con fontane, vegetazione e chat room. Nelle terme di Caracalla c'erano stanze per un unico bagno, negozi e magnifici saloni. La parte nord-orientale del complesso è stata sollevata di 6 metri con strutture speciali, sotto le quali giacevano tutte le comunicazioni. L'edificio principale si distingueva per la simmetria delle stanze, una doppia fila di finestre sotto il soffitto e un frigidarium, passando nella piscina al centro.

Oggi i bagni, o meglio i loro resti, attirano molti turisti, organizzano servizi fotografici per matrimoni e persino concerti in un luogo speciale. Ci sono termini su Via delle Terme di Caracalla, stazione della metropolitana Circo Massimo sulla linea B proprio dietro il Circo Massimo.

Le terme di Diocleziano

Le Terme di Diocleziano (Terme di Diocleziano) furono costruite nel 303 e assomigliavano alle Terme di Caracalla. Una piccola differenza era la forma dei locali, le dimensioni più ridotte e la grande capacità: fino a 3200 persone.

In questi termini, le dimensioni delle stanze laterali attorno al frigidarium erano quasi le stesse, il che dava una distribuzione più uniforme del carico. Due fatti possono dire del lusso degli interni: 2,5 mila sedie in marmo e la presenza di un anfiteatro.

Nel XVI secolo l'edificio fu ricostruito, parte del complesso fu presentata al Museo Nazionale di Roma, parte fu data per la costruzione della chiesa. Il resto è in Via Enrico de Nicola. Se prendi la metropolitana, è di moda arrivare a Term dalla Stazione Repubblica in 5 minuti e dalla Stazione Termini in 10 minuti.

Messaggi Popolari

Categoria La storia, Articolo Successivo

Rapporto fotografico del 64 ° festival di canzoni italiane a Sanremo
Cultura

Rapporto fotografico del 64 ° festival di canzoni italiane a Sanremo

NEL TEATRO O NEL RISTORANTE - SEMPRE EMOZIONI INDIMENTICABILI DAL FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA A SAN REMO Poesia italiana, film italiani, canzoni italiane - tutto ciò ci rovina le orecchie con il suono morbido e melodioso di una delle lingue più belle del pianeta. Senza nemmeno saperlo e non capirlo, puoi ancora provare passione e romanticismo, amore e tenerezza, felicità e dolore.
Per Saperne Di Più
Terzo miglior ristorante al mondo - italiano
Cultura

Terzo miglior ristorante al mondo - italiano

Per il secondo anno consecutivo, il ristorante Osteria Francescana dello Chef Massimo Bottour a Modena, nel nord Italia, è al terzo posto nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo. L'Osteria Francescana, con sede a Modena, ha nuovamente conquistato il podio del premio annuale, che determina i 50 migliori ristoranti del mondo.
Per Saperne Di Più
Come Roma si prepara a festeggiare il nuovo anno 2014
Cultura

Come Roma si prepara a festeggiare il nuovo anno 2014

A Roma, i preparativi per Natale e Capodanno sono in pieno svolgimento. In quasi tutte le piazze principali sono già comparsi alberi di Natale. L'ultimo e il più importante, ovviamente, sarà l'albero di Natale in Vaticano, lavoro su cui è in pieno svolgimento. Venerdì sera, 11 dicembre, ci sono pochi turisti in Vaticano. La Basilica di San Pietro chiude alle 18.
Per Saperne Di Più
L'italiano è il quarto più studiato al mondo.
Cultura

L'italiano è il quarto più studiato al mondo.

In primo luogo, come previsto, l'inglese, nel secondo francese e nel terzo - spagnolo. La lingua italiana è in testa grazie in gran parte alla famosa cucina italiana.L'elenco delle lingue studiate nel mondo comprende più di seimila nomi (!), Disposti in una rigorosa sequenza di classificazione universale.
Per Saperne Di Più