Palermo

Villa dei mostri a Bagheria

La città italiana di Bagheria (Bagheria), dove spesso si riunivano i rappresentanti della nobiltà palermitana, mantiene un segreto straordinario. Nel centro di Bagheria, circondato da un flusso di macchine e facciate di edifici moderni, si trova la villa Palagonia, che una volta Goethe chiamava il "manicomio". La villa può essere giustamente considerata una delle più belle e insolite non solo in Sicilia, ma in tutta Italia.

Storia dell'evento

Questo misterioso edificio fu eretto nel 1715 per ordine del quinto principe di Palagonia, Don Ferdinando Gravina La magnifica residenza estiva, costruita in stile barocco, ha acquisito una fama immensa proprio grazie al nipote di Don Ferdinando, Francesco Ferdinando, che si distingueva per una disposizione speciale (alcuni addirittura lo consideravano malato di mente).

Gli storici locali affermano che l'erede della famiglia Gravina ebbe un destino molto difficile. Sua madre, incinta di lui, brillava nell'alta società, continuando a stupire tutti con i suoi abiti stretti. Strinse i corsetti in vita, cercando di nascondere la pancia arrotondata, che non poteva che influenzare il bambino. Il bambino nato stava crescendo e sviluppando molto male. Si diceva che avesse due gobbe (sulla schiena e sul petto), che spesso lo rendevano oggetto di scherno da parte di altri giovani rappresentanti della nobiltà. Di anno in anno, Francesco trattenne le sue emozioni dentro di sé, accumulando risentimento e odio.

Anni dopo, e diventando adulto, il giovane alla fine ricevette una straordinaria eredità e cominciò a vendicarsi di tutti. Sposò una giovane bellezza, approfittando del fatto che la sua nobile famiglia incombeva sull'abisso della rovina, ma non prese in considerazione il fatto che, entrata nella famiglia Gravina, sua moglie divenne ancora più attraente agli occhi degli uomini rispetto al matrimonio. Quindi Francesco decise di nascondere sua moglie da occhi indiscreti.

Nel 1749, Villa Palagonia aprì le sue porte ai primi ospiti, gentilmente invitati da Gravina.

Tutti gli arrivi alle porte sono stati accolti da due sculture in pietra con facce orribili: uno aveva cinque occhi, due dei quali erano chiusi e gli altri tre erano aperti, il che avrebbe detto ai visitatori: "anche quando il proprietario della residenza dorme, vede meglio di tutti i suoi ospiti. "

Passando due lontane dalle accoglienti sculture all'ingresso, la villa aprì lo sguardo in tutta la sua gloria e tutte le persone invitate dai nani si tuffarono nell'atmosfera cupa prevalente qui. Sicuramente si sentivano addirittura come se qualcuno li stesse guardando. Due piccoli cortili conducono alla scala principale della villa. La stessa scala è in pietra calcarea, su cui si erge il maestoso stemma della famiglia Gravina.

Il cortile adiacente alla Palagonia è occupato da fabbricati agricoli per servi, anch'essi decorati con statue raffiguranti animali immaginari esotici, figure di caricatura e altre strane creature. Furono loro a fornire alla villa il nome di "Villa dei mostri".

Decorazione d'interni

L'edificio della villa fu eretto in un unico blocco, che non include alcun cortile e si compone di due enormi elementi quadrati fissati ad angolo al centro. La hall della insolita residenza estiva ha una forma ovale e stupisce semplicemente con tutta la magnificenza e la varietà di affreschi che riflettono le avventure di Ercole.

Sul lato destro dell'ingresso c'è una galleria, conosciuta anche come la Sala degli Specchi. Questo nome è stato dato a questa stanza grazie al suo soffitto a specchio. Le sue pareti sono decorate con marmi di altissima qualità, vetrate e bassorilievi, che raffigurano rappresentanti della famiglia Gravina.

Dalla Sala degli Specchi puoi entrare nella cappella e nella sala da biliardo, nonché nelle camere private, che sono chiuse ai visitatori. A proposito, gli ospiti di Francesco Ferdinando si sono più volte lamentati dei mobili scomodi e persino inquietanti che hanno arredato l'edificio. Qualcuno ha detto che i tessuti della tappezzeria erano spinosi fino al punto di orrore, che le gambe delle sedie avevano lunghezze diverse e che alcuni piatti erano fatti di vetri rotti e porcellana.

Molti mobili emettevano un terribile crepitio e da loro sporgevano pericolose punte, che infliggevano incredibili sofferenze agli ospiti di Francesco, perforandone le parti morbide. Nel frattempo, il proprietario di una dimora lussuosa ma fantastica, con indescrivibile piacere, osservava il dolore e l'orrore che si riflettevano sui volti delle persone che una volta lo avevano schernito.

Informazioni pratiche: indirizzo, biglietti, prezzi

Oggi, solo 62 sculture sono rimaste dalla splendida collezione di mostri di pietra (e ammontava a 600 sculture), e la stessa Villa Palagonia, purtroppo, è diventata desolata, tuttavia fino ad oggi, ogni visitatore della residenza Gravina non dubiterà del precedente potere e spietatezza dei suoi proprietari.

Indirizzo: Piazza Garibaldi, 3, Bagheria Palermo

Orari di apertura:

  • Da novembre a marzo: tutti i giorni dalle 09:00 alle 13:00, dalle 15:30 alle 17:30;
  • Da aprile a ottobre: ​​tutti i giorni dalle 09:00 alle 13:00, dalle 16:00 alle 19:00.

Ingresso: 5 euro.

Come arrivare

  • In aereo: Devi arrivare all'aeroporto di Palermo e poi trasferirti in treno o autobus;
  • In macchina: Autostrada Messina-Palermo (A20), autostrada Palermo-Catania (A18) e seguire le indicazioni per la città;
  • In treno: Devi prendere il treno in direzione Palermo-Bagheria. Il sito ufficiale delle ferrovie italiane, dove sono disponibili tutti gli orari: www.trenitalia.it.

Guarda il video: Dentro la "villa dei Mostri" - Bagheria Palermo (Novembre 2019).

Messaggi Popolari

Categoria Palermo, Articolo Successivo

Musei di Milano
Milano

Musei di Milano

Una visita ai musei di Milano aggiungerà colore a qualsiasi vacanza trascorsa in un paese così meraviglioso come l'Italia. Le informazioni raccolte con cura e amorevole sulla città forniscono una varietà di informazioni, dalla scienza e la tecnologia a personaggi famosi. Il Museo delle Belle Arti di Brera La Pinacoteca di Brera contiene una delle più importanti collezioni italiane di dipinti rinascimentali, oltre 500 opere risalenti al XIV e XX secolo.
Per Saperne Di Più
Fatti interessanti su Milano
Milano

Fatti interessanti su Milano

L'opinione che Milano sia il centro alla moda e finanziario dell'Italia è molto comune. Ma dietro tutte le banche e le boutique della città, ci sono misteri e punti salienti che sono unici a Milano. Vale la pena notare che molti dei segreti e delle caratteristiche di questo luogo difficilmente possono essere chiamati italiani. Tuttavia, prima di fare un viaggio in questa bellissima città, prova a saperne di più.
Per Saperne Di Più
Mostre a Milano nel 2015
Milano

Mostre a Milano nel 2015

Vale la pena andare a Milano non solo per lo shopping, ma anche per visitare le mostre più importanti del mondo e in diverse direzioni. Nel 2015 ce ne saranno molti. Ma non si dovrebbe parlare di mostre a Milano, ma di frequentarle. EXPO 2015 Esposizione Universale Milano 2015 (World Exhibition 2015) - la mostra più attesa dell'anno.
Per Saperne Di Più
Stazioni ferroviarie di Milano
Milano

Stazioni ferroviarie di Milano

Ci sono tre principali stazioni ferroviarie di Milano: Milano Centrale, Porta Garibaldi e Cadorna. Il primo serve treni che collegano Milano con tutta l'Italia e con altri paesi (Francia, Svizzera, Germania), gli altri due sono principalmente collegati con collegamenti ferroviari suburbani.
Per Saperne Di Più